Buoni postali fruttiferi. Codacons: La questione finisce alla Corte europea dei diritti dell’uomo

16 Novembre 2022
Lettura 1 min

Buoni Postali Fruttiferi? Continua a tenere banco la questione relativa alla discussa liquidazione dei buoni postali fruttiferi, che interessa migliaia di consumatori in tutta Italia che si sono visti decurtare rispetto all’importo loro dovuto migliaia di euro.

Le recenti ordinanze della Cassazione nn. 4748 e 4751/2022 non hanno infatti risolto nulla, se da un lato danno ragione a Poste, dall’altro la conclusione della Corte ha lasciato insoddisfatta gran parte della dottrina e di moltissime Corti, che stanno continuando a dare ragione ai consumatori (Corte di Appello di Firenze, sent. 696/2022; Corte di Appello di Napoli, 29.07.2022, n. 3580; Tribunale di Trapani, n. 469/2022 del 17.05.2022; Tribunale di Napoli n. 4882/2022 del 17.05.2022; Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, 1581/2022 del 3.05.2022).

Ora della questione si occuperà anche la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) – afferma il Presidente Nazionale del Codacons, Marco Donzelli – infatti, è stato richiesto alla Corte di verificare se le due decisioni emesse dalla Suprema Corte abbiano o meno violato i diritti fondamentali dell’uomo; nel caso di specie la condotta di Poste avrebbe leso l’affidamento trentennale dei risparmiatori, non rispettando appieno l’obbligo di specificare la misura dei nuovi interessi per tutti i trent’anni di durata del titolo.

Noi continueremo la nostra battaglia e saremo al fianco di tutti i consumatori ai quali non sono stati correttamente liquidati buoni postali fruttiferi in loro possesso.”

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

“E’ ucraino il missile caduto in Polonia”

Prossimo Servizio

Siamo tornati al tempo dei paninari. La continua corsa dell’inflazione: al 12,6% come nel 1983

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva
TornaSu