BOLLETTE GAS, FORTE CALO A FEBBRAIO. NOMISMA: RIGASSIFICATORE A RAVENNA SE PIOMBINO NON LO VUOLE

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Davide Tabarelli è sicuramente una delle voci più autorevoli in campo di energia; intervistato da Adnkronos il presidente di Nonisma ha previsto, pur specificando che non siamo affatto fuori dalla crisi, un forte calo delle bollette del gas a febbraio rispetto a gennaio.
“Per le bollette del gas da febbraio rispetto al mese di gennaio ci sarà probabilmente un forte calo. C’è una diversa metodologia di calcolo delle bollette del gas e dell’elettricità. L’elettricità è già calata del 20% e ieri per quanto riguarda il gas c’è stato un aumento del 23%. Ma dal prossimo mese ci sarà un forte calo. Pertanto ci sono segnali positivi anche perché c’è il petrolio che per il momento ci salva, è molto debole”.


“Godiamoci questo momento, le cose stanno migliorando. Ci sono ottimi segnali, è difficile resistere alla tentazione di essere ottimismi e quindi dobbiamo esserlo”, dice il presidente di Nomisma energia. “Le scorte – osserva – sono ancora altissime, il caldo ci ha consentito di essere più tranquilli sulle richieste del settore civile. E questo allontana anche lo spettro del razionamento man mano che passano i giorni”. Inoltre “ci sono segnali anche sul lato dell’offerta. In Germania, ad esempio, che è il paese al centro della crisi, dal 3 gennaio arriva gas dagli Usa. La situazione è positiva per i prossimi mesi. Possiamo anche azzardare un calo dell’inflazione sotto il 10% grazie a un calo sia delle bollette elettriche che del gas”.
Comunque per Tabarelli “I prezzi sono scesi ma sono ancora molto alti. Il problema esiste ed è strutturale e durerà per diversi anni”, avverte il presidente di Nomisma Energia. “Non abbiamo finito questo inverno, siamo appena entrati. Se arrivano dei picchi di domanda con un freddo intenso, cosa che capita, siamo messi male. E rischiamo di esserlo per qualche giorno. Non siamo fuori dalla crisi”.
E comunque resta il problema degli approvvigionamenti per il prossimo inverno.
“C’è il problema del prossimo inverno perché sostituire tutti i volumi che abbiamo nelle scorte, che sono soprattutto del gas naturale russo, sarà molto difficile senza la Russia. Ecco perché abbiamo bisogno di rigassificatori e la notizia a notizia che in Germania vanno avanti spediti in questa direzione è positiva”, osserva Tabarelli. “Però noi – rileva- abbiamo bisogno di fare le strutture, di sbottigliare il sud del Paese, di aumentare i volumi dalla Libia e di fare rigassificatori. Non solo un rigassificatore come quello previsto Ravenna. Se non possiamo farlo a Piombino, lasciamo stare lo scontro e mettiamone altri 2 a Ravenna per arrivare a 3”.

Servizio Precedente

Moratti sul caso Aria spa e mascherine: “Avevo contestato inadeguatezza. Con cambi ai vertici siamo tornati primi in Europa…”

Prossimo Servizio

L’autonomia incartata come previsto

Ultime notizie su Economia