Bce, col piffero che abbassiamo i tassi. C’è l’inflazione. E chiudono: Anzi, i tassi alti fermano i prezzi”. Come no…

11 Aprile 2024
Lettura 1 min

Tutto secondo copione nella riunione di aprile del Consiglio direttivo della BCE: dal meeting infatti è emersa la decisione “di mantenere invariati i tre tassi di interesse di riferimento della BCE” visto che “le nuove informazioni hanno sostanzialmente confermato la sua precedente valutazione circa le prospettive di inflazione a medio termine”. Il Consiglio riconosce come “l’inflazione ha continuato a ridursi” mentre “la crescita dei salari registra una graduale moderazione e le imprese stanno assorbendo parte dell’incremento del costo del lavoro con i loro profitti”. “Tuttavia – si spiega – le pressioni interne sui prezzi sono forti e mantengono elevata l’inflazione dei servizi”. Ma la BCE conferma esplicitamente la possibilità di tagli. Infatti se il Consiglio direttivo “ritiene che i tassi di interesse di riferimento della BCE si collochino su livelli che forniscono un contributo sostanziale al processo di disinflazione in atto” riconosce anche che se l’indicazione in arrivo dai prossimi dati “accrescesse ulteriormente la sua certezza che l’inflazione stia convergendo stabilmente verso l’obiettivo, sarebbe opportuno ridurre l’attuale livello di restrizione della politica monetaria”. Resta l’impostrazione di decisioni adottate caso per caso in “un approccio guidato dai dati , senza vincolarsi a un particolare percorso di riduzione”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Festa sabato a Gemonio. “Astenersi sostenitori Ponte Stretto”

Prossimo Servizio

40 anni di Lega, ovvero i 40 anni dalla scoperta del Nord. Dopo Bossi, resta un vuoto nella politica

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu