Battaglia vinta. L’Inpgi nell’Inps dal luglio 2022. Salve le pensioni dei giornalisti

Lettura 2 min

Condividiamo integralmente per la sua importanza qui di seguito il testo pubblicato su Unitasindacalefnsi.wordpress.com con quale Daniela Stigliano, Elena Polidori, Carlo Parisi – Consiglieri di amministrazione Inpgi spiegano la decisiva svolta del governo che ha messo in sicurezza le pensioni dei giornalisti.

Inpgi nell’Inps: è garanzia pubblica per le pensioni dei giornalisti

La norma inserita dal governo nella legge di Bilancio ci dà ragione della nostra visione. Grazie a chi ha ascoltato in questi anni le nostre istanze

di Daniela Stigliano, Elena Polidori, Carlo Parisi – Consiglieri di amministrazione Inpgi

Le pensioni dei giornalisti sono ora davvero salve. E hanno la garanzia pubblica, come per tutti gli altri lavoratori dipendenti italiani. Questo è il programma con cui ci siamo candidati all’Inpgi lo scorso anno, questo è il mandato che ci hanno dato le colleghe e i colleghi che ci hanno votato e questo è l’obiettivo su cui ci siamo impegnati in questi mesi di lavoro nel Consiglio di amministrazione. La norma inserita dal governo nella legge di Bilancio ci dà ragione della nostra visione e del nostro lavoro.

Ringraziamo chi, anche nel mondo politico e istituzionale, ha ascoltato in questi anni le nostre istanze, ben diverse da quelle portate avanti della maggioranza che governa l’Inpgi e la Fnsi. A colleghe e colleghi assicuriamo il nostro impegno nei prossimi mesi perché il percorso tracciato dalla nuova norma sino al passaggio definitivo nell’Inps sia trasparente e rigoroso. Così come continueremo a lavorare perché anche le pensioni dei giornalisti autonomi e collaboratori, che restano nell’alveo della previdenza privatizzata, siano pienamente garantite e perché vengano ampliate le prestazioni di welfare per colleghe e colleghi meno tutelati.

Qui il link: https://unitasindacalefnsi.wordpress.com/2021/10/28/inpgi-nellinps-e-garanzia-pubblica-per-le-pensioni-dei-giornalisti/

Servizio Precedente

VIDEO - Flash mob al San Raffaele. Gli operatori sanitari: "Siamo troppo pochi, la salute non può essere una fabbrica"

Prossimo Servizio

Ideal Standard, un altro pezzo di Nord viene delocalizzato. 500 lavoratori a casa. L'appello di Zaia: Il Governo faccia il possibile

Ultime notizie su Economia