Autonomi e partite Iva scelgono Verde è popolare

19 Settembre 2022
Lettura 1 min

La decimazione degli Autonomi e delle Partite IVA continua: le conseguenze della pandemia e dei conflitti che coinvolgono l’Europa aggravano i problemi strutturali che già affliggono il mondo produttivo italiano.

Per fare fronte ad una situazione sempre più drammatica, alla quale le forze parlamentari e governative non trovano risposte adeguate, l’Associazione “AUTONOMI E PARTITE IVA” la principale organizzazione nazionale, culturale e politica, a tutela degli Autonomi, delle Partite IVA e dei loro dipendenti e familiari, ha siglato un Protocollo di Intesa con il Movimento “Verde è Popolare”, anch’esso da sempre attento alle tematiche della libera iniziativa e del mondo del lavoro.

L’accordo è il naturale sviluppo dei Programmi e delle iniziative che in questi anni sono stati portati avanti con finalità spesso convergenti ed è stato firmato per AUTONOMI E PARTITE IVA dal Presidente Eugenio Filograna e dai Coordinatori Regione Campania Giuseppe Calvanese ed Aldo Morgillo, per Verde è Popolare dal Presidente Gianfranco Rotondi, dal Coordinatore dei Circoli Gianpiero Pilla e dal Presidente del Consiglio Direttivo Nazionale Giampiero Catone.

Con questa collaborazione l’Associazione “AUTONOMI E PARTITE IVA” si prefigge lo scopo di ulteriormente ampliare la sua azione di tutela e di auto-rappresentanza culturale e politica e di renderla ancora più efficace ed incisiva.

Eugenio Filograna

Presidente AUTONOMI E PARTITE IVA

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Piemonte, collegio di Collegno. Terzo Polo e Centrosinistra fanno sapere di aderire all’appello contro le mafie

Prossimo Servizio

Agente Polstrada salva e adotto meticcio che vagava su statale 106

Ultime notizie su Economia

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss