ANTITRUST RICHIAMA SETTE IMPRESE EMERGETICHE

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Mentre sui tavoli europei si continua a discutere sulla necessità di un tetto al prezzo del gas comunitario l’antitrust, a casa nostra, richiama sette aziende energetiche che avrebbero cambiato le condizioni contrattuali su gas ed elettricità.
“L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato sette procedimenti istruttori – e deciso di adottare altrettanti provvedimenti cautelari – nei confronti delle principali società fornitrici di energia elettrica e di gas naturale sul mercato libero, che rappresentano circa l’80% del mercato”.
Sky TG24 informa che “Si tratta, nello specifico, di queste aziende: Enel, Eni, Hera, A2A, Edison, Acea ed Engie. Sulla base dei dati forniti dalle stesse imprese, risulta che i consumatori, i condomini e le microimprese interessati dalle comunicazioni di variazione delle condizioni economiche sono oltre sette milioni, in particolare 7.546.963, di cui 2.667.127 avrebbero già subito un ingiustificato aumento di prezzo”.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Manovra – Sanità, forze ordine e insegnanti: Gadda (Az-IV), governo boccia welfare aziendale per PA, nessuna attenzione per servitori Stato

Prossimo Servizio

Confapi, metalli: L’emergenza dimenticata

Ultime notizie su Economia