Allarme criptovalute. Gran Bretagna avverte: rischio di perdere tutto

Lettura 3 min

Si acuisce il sell-off violento sul bitcoin e sulle altre ciptovalute dopo l’avvertimento arrivato da oltremanica. La Financial Conduct Authority (FCA), l’autorità di vigilanza del Regno Unito, mette in guardia d achi vuole trarre facile profitto dal boom delle criptovalute.

“Investire in criptovalute, o investimenti e prestiti ad essi collegati, generalmente comporta l’assunzione di rischi molto elevati con i soldi degli investitori”, afferma la Financial Conduct Authority.

“Se i consumatori investono in questi tipi di prodotti, dovrebbero essere pronti a perdere tutti i loro soldi”. Le preoccupazioni della FCA includono la volatilità dei prezzi, la complessità dei prodotti offerti e la mancanza di protezione dei consumatori a livello di regolamentazione intorno a molti dei prodotti.Il prezzo di Bitcoin, la più grande criptovaluta, è scivolato fino al 21% tra ieri e oggi ed è sceso fino a 32.400 $. E’ il più grande crollo dal marzo scorso.

Il bitcoin aveva toccato un record a quasi $ 42.000 l’8 gennaio, con quotazioni più che raddoppiate nel giro di un mese. Dall’inizio del 2021 fino allo scorso venerdì i guadagni erano stati inoltre superiori a +30%.Anche l’Ethereum, la seconda criptovaluta al mondo è capitolata fino a -21% a $1.126,72.L’ascesa verticale degli ultimi mesi aveva fatto gridale al rischio bolla diversi esperti, a partire da Nouriel Roubini, il famoso economista che predisse la grande crisi del 2008, che prima di Natale ha detto che il prezzo del bitcoin è totalmente manipolato.

Secondo l’economista, il Bitcoin non ha alcun valore intrinseco. Non serve. Non c’è utilità. L’unica cosa è un tipo di ascesa speculativa, che si autoavvera, e quell’ascesa è guidata totalmente dalla manipolazione. Il prezzo del Bitcoin è totalmente manipolato da un gruppo di persone, da un gruppo di balene. Non ha alcun valore fondamentale, ha asserito Roubini . Siamo vicini al punto in cui la bolla iperbolica scoppierà.

A detta di Roubini ritiene che il neo presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, sarà molto più rigido nel controllo della criptovaluta rispetto al suo predecessore Donald Trump. Molto scettico anche Michael Hartnett, chief investment strategist di Bank of America Securities, ha definito inoltre il boom che ha portato la moneta digitale a volare fino a quasi $42.000 la madre di tutte le bolle, ricordando che il rally che il Bitcoin ha segnato dall’inizio del 2019 (pari a quasi +1000%) è superiore al rally che ha interessato qualsiasi altro asset negli ultimi decenni: il riferimento è al balzo di oltre +400% messo a segno dall’oro alla fine degli anni ’70; a quello della borsa di Tokyo alla fine degli anni ’80; a quello della borsa di Bangkok alla metà degli anni ’90, al boom delle dot-com a fine anni ’90 e a quello dei prezzi immobiliari alla metà degli anni 2000.

Photo by Bermix Studio 

Servizio Precedente

Risolto "giallo" rifiuti su scarpata Pedemontana veneta: Non pericolosi e abbandonati da terzi

Prossimo Servizio

Galli: le zone non funzionano più. Il virus cammina con le persone in movimento

Ultime notizie su Economia