“A Lombardia e Veneto solo il 10% del Pnrr”

Lettura 1 min

Agli enti della Lombardia spetteranno quasi 5 miliardi (4,97 miliardi di euro) delle risorse del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) allocate a livello territoriale. E’ questo il dato significativo che emerge dai dati presentati oggi in conferenza stampa da CNA (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa) Lombardia in collaborazione con il Centro Studi Sintesi. Le risorse totali del PNRR allocate a livello territoriale saranno invece 48,682 miliardi di euro, il 22% del totale, una larga fetta dei quali (quasi 19 miliardi) sarà destinata a supportare i progetti degli enti locali in materia di rivoluzione verde e transizione ecologica. “Di questi 49 miliardi di Pnrr assegnati al sistema delle autonomie locali, alla rete delle istituzioni e degli enti lombardi spetteranno risorse pari a quasi 5 miliardi, circa il 10%. In questo elemento, dobbiamo dirlo senza alcun velo di polemica politica, cogliamo una forma di squilibrio territoriale a svantaggio di un’area del Paese che produce il 22% del Pil nazionale”, commenta il presidente di CNA Lombardia, Giovanni Bozzini. 

 “Avremmo auspicato, e formuliamo in tal senso una richiesta specifica- sottolinea Bozzini-, che una quota delle risorse per la digitalizzazione e la transizione ecologica intervenisse anche direttamente sulle imprese con forme di politiche di incentivazione, di finanza agevolata, di supporto ad investimenti che le nostre imprenditrici e i nostri imprenditori stanno affrontando per adeguare processi, prodotti e servizi al fine di migliorare la propria competitività sui mercati. E’ proprio su queste politiche di supporto alle Pmi che le tre Regioni “locomotiva” d’Italia, come Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, dovrebbero costruire un piano condiviso tra pubblico e privato”. Se si guarda alla composizione delle risorse allocate in Lombardia al 26 gennaio 2022, vediamo una “gerarchia” degli investimenti in quest’ordine: al primo posto “rivoluzione verde e transizione ecologica” con 2,14 miliardi, al secondo il capitolo “salute” con 1,19 miliardi, al terzo “inclusione e coesione” con 969 milioni, a seguire “istruzione e ricerca” (460 milioni), “digitalizzazione, innovazione, competitività” (140 milioni), “infrastrutture per una mobilità sostenibile” (67,4 milioni).

Servizio Precedente

Associazione Cazzavillan: “Appello per Federazione Russa negli Stati Uniti d’Europa”

Prossimo Servizio

L’anno orribile delle bollette. Stangata da 13 miliardi

Ultime notizie su Economia

 La prevenzione dello spreco di cibo come risposta allo scatto dell’inflazione: l’86% degli italiani si impegna