A Ferragosto irregolari 7 aziende su 10

Lettura 1 min

L’Ispettorato del lavoro con il Nucleo Tutela del lavoro dei Carabinieri, non si ferma in nessun giorno nel contrasto al lavoro nero e insicuro. In tutta Italia – tranne in Sicilia, dove l’ispettorato e’ autonomo e fa capo alla Regione – nei giorni di ferragosto, sono state ispezionate 211 aziende, in larga prevalenza nel settore dei pubblici esercizi, della ristorazione, della ricettivita’ turistica. Con l’intervento delle task force dell’Ispettorato e dei carabinieri emerge che su 211 aziende, ben 149, pari a circa il 71%, sono risultate irregolari immediatamente; 58 aziende sono state chiuse con provvedimento di sospensione dell’attivita’. 

“Se tra le aziende ispezionate attive a ferragosto 7 su 10 operano con lavoratori in nero, con violazioni in materia di busta paga e di tracciabilita’ dei pagamenti, e con persone che percepiscono indebitamente il reddito di cittadinanza, vuol dire che in questo Paese dobbiamo contrastare un quadro di illegalita’ diffusa nel lavoro – commenta Bruno Giordano, magistrato e direttore dell’Ispettorato – e vuol dire che controlli e controllori sono sempre piu’ necessari per la tutela della legalita’ del lavoro”. Gli accertamenti proseguono e hanno gia’ evidenziato irregolarita’ in merito alla sicurezza del lavoro, a forme spurie di cooperative, agli orari di lavoro, all’illecita somministrazione di manodopera e ai trattamenti contrattuali applicati ai lavoratori. I lavoratori irregolari rintracciati sono stati 312; tra questi spiccano 11 minori irregolari (intenti a lavorare in nero o oltre le ore 22).

Servizio Precedente

Sala o Bernardo – Ma per la Rai lombarda esistono a Milano solo due candidati sindaco?

Prossimo Servizio

Premio San Rocco Camogli alla cagnetta che per 10 anni ha vegliato su tomba del padrone

Ultime notizie su Economia