Un’altra maturità con la Dad. Sotto esame 540mila studenti

Lettura 1 min

Inizia per circa 540mila studentesse e studenti, l’Esame di Stato del secondo ciclo di istruzione. Mascherine, distanziamento, gel igienizzante, sono i tre elementi che caratterizzano questa seconda edizione al tempo del coronavirus. Un esame unico per le misure di sicurezza previste a seguito dell’emergenza sanitaria. Ma anche per le modalità di svolgimento. Come lo scorso anno i maturandi, infatti, affronteranno un esame ‘riadattato’ in funzione delle norme anti-covid. Come per lo scorso anno, proprio in considerazione dell’emergenza sanitaria, niente prove scritte. L’Esame consisterà in un colloquio “rinforzato”, anche chiamato maxi orale, una prova orale che partirà dalla discussione di un elaborato, il cui argomento è stato assegnato alle studentesse e agli studenti dal Consiglio di classe entro lo scorso 30 aprile. I ragazzi hanno avuto un mese per poterlo sviluppare e curare approfonditamente grazie anche al supporto di un docente che ha accompagna questo percorso, aiutando ciascun candidato a valorizzare quanto appreso. L’elaborato è stato assegnato sulla base del percorso svolto e delle discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi, con la possibilità di essere integrate anche con apporti di altre discipline, esperienze relative ai Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento o competenze individuali presenti nel curriculum dello studente.

Servizio Precedente

Galli: Non esagerare con le riaperture

Prossimo Servizio

Con Covid nuova generazione di poveri

Ultime notizie su Cultura