Trump ha ragione due volte. Chi decide cosa è vero o è falso sui social?

28 Maggio 2020
Lettura 1 min

di Luigi Basso – I fatti sono noti: nei giorni scorsi alcuni Governatori americani hanno proposto di utilizzare il voto via mail per le elezioni Presidenziali 2020 e Trump ha sollevato su Twitter il timore che si verifichino brogli e truffe.
Twitter sostiene di aver fatto verificare la fondatezza di questi timori dalla CNN e dal Washington Post e il risultato sarebbe stato negativo per Trump.
Il Presidente si è incazzato e ha promesso che simili interferenze nella campagna elettorale non si verificheranno mai più e oggi dovrebbe emanare misure ad hoc.
Le vedremo.
Quello che qui preme evidenziare è che Trump ha ragione due volte, dal punto di vista del singolo episodio e dal lato generale.


In effetti, nel caso che ci interessa del voto via mail, Trump non ha comunicato una quantità fisica di una certa cosa (ad esempio, il numero di abitanti del Montana), affermazione che può essere vera o falsa essendo una grandezza fisica, ma ha comunicato, anche in modo duro e provocatorio, una sua sensazione, chiaramente una sua opinione, su un evento futuro (ad esempio, ho paura che domenica pioverà): come si può censurare la previsione di un accadimento futuro, una opinione?


Inoltre, dal lato più generale, Trump ha ragione perché chi si può arrogare il potere di stabilire cosa è vero o è falso? Sulla base di quali norme? Gli antichi ponevano la seguente domanda QUIS CUSTODIET IPSOS CUSTODES? Chi sorveglia il sorvegliante?
Per questo esiste la libertà di manifestazione del pensiero.
Twitter sbaglia in modo clamoroso e farebbe meglio a togliere forme di censura e a chiedere scusa a Trump.
Siamo in grado di distinguere da soli vero e falso e …. nel dubbio preferiamo sbagliare da soli, senza aiuti interessati.

Photo by Charles Deluvio 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Siamo stati a cena con Belen così come abbiamo visto gli aiuti di Conte e Bruxelles

Prossimo Servizio

L’Odg ricorda Tobagi, il faro nella tempesta della professione giornalistica

Ultime notizie su Cultura

Intelligenza artificiale dilaga per fare i compiti

 L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore, compreso quello dell’istruzione. Secondo una ricerca condotta da Tgm Research per conto di NoPlagio su un campione di mille persone, il 71% dei ragazzi dai 16
TornaSu