Scozia, sondaggio dà in calo voglia di referendum su indipendenza

Lettura 1 min

Quasi la meta’ degli elettori scozzesi non vogliono un secondo referendum sull’indipendenza della Scozia dal Regno Unito nei prossimi cinque anni. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto dall’Agenzia di ricerche di mercato britannica Opinium research su 1.015 cittadini. Secondo il sondaggio, la percentuale di cittadini favorevoli a un nuovo referendum indipendentista e’ in calo. Secondo l’indagine, inoltre, Nicola Sturgeon potrebbe essere nuovamente rieletta come prima ministra scozzese e, se il Partito Nazionale (Snp) ottenesse la maggioranza assoluta alle elezioni del 6 maggio, la percentuale di cittadini favorevoli al referendum sarebbe del 42 per cento, in calo di sette punti rispetto al mese scorso. La percentuale di cittadini che vuole il referendum entro due anni, invece, e’ scesa di cinque punti, al 28 per cento. Il manifesto dello Snp per la campagna 2021, tuttavia, ribadisce che l’intenzione del partito e’ indire il referendum entro la prima meta’ del mandato parlamentare quinquennale, ossia nei primi due anni e mezzo. (Rel) NNNN

Servizio Precedente

VIDEO - Caso Fedez. Come il web muove il consenso

Prossimo Servizio

"Col pass a maggio possiamo competere con Spagna e Grecia"

Ultime notizie su Cultura