PERCHÉ TANTI UOMINI (non le donne) INCOMPETENTI DIVENTANO LEADER? (e come porvi rimedio)

Lettura 5 min

Se siete al lavoro, guardatevi intorno; se siete a casa – e per molti di noi in questo periodo è così – accendete la tv o la radio: gli opinion maker e i cosiddetti leader… sono maschi. Ma essi sono competenti?

In questo saggio provocatorio pubblicato originariamente dalla Harvard Business School Press, Tomas Chamorro-Premuzic – professore di psicologia all’University College di Londra e alla Columbia di New York – pone due domande “scomode”: la prima è perché sia così facile per gli incompetenti conquistare posizioni di leadership, e la seconda perché sia così difficile per le persone competenti – specialmente se sono donne – farsi largo.

L’autore, Tomas Chamorro-Premuzic 

Mettendo in campo decenni di rigorose ricerche, l’autore sottolinea come gli uomini costituiscano la maggioranza dei leader, sebbene molte ricerche testimonino che essi ottengano spesso risultati inferiori rispetto alle donne. Il motivo di questa realtà, sotto gli occhi di molti anche in Italia, è legato al fatto che le organizzazioni tendono a identificare il potenziale di leadership con alcuni tratti della personalità tipicamente maschili: l’eccessiva sicurezza di sé, l’autorità e il narcisismo, per esempio. Questi tratti aiutano quando si tratta di essere selezionati per un ruolo di vertice, ma risultano spesso controproducenti e distruttivi una volta conquistata la posizione di leader. Il risultato è un sistema profondamente distorto che premia l’arroganza più dell’umiltà e l’azzardo più della saggezza.

Per Chamorro – Premuzic, poi, la ragione principale dell’ineguale rapporto tra i sessi nella gestione della leadership è la nostra incapacità di discernere tra fiducia e competenza: interpretiamo in modo errato l’ispirazione di fiducia come un segno di competenza. In altre parole, quando pensiamo a una “guida carismatica”, le manifestazioni di arroganza – spesso mascherate da carisma o fascino e tipiche più degli uomini che delle donne – sono comunemente scambiate per “potenziale di leadership”. La verità è invece che la maggior parte dei tratti caratteriali che sono veramente vantaggiosi per una leadership efficace si trovano in coloro che non riescono a impressionare gli altri sul loro talento per il management.

l’assertività o l’intelligenza emotiva sono espressioni del carattere ancora molto raramente apprezzate e comprese. Questo vale soprattutto per le donne: vi sono ora prove scientifiche convincenti – l’autore cita almeno 45 ricerche compiute in tutto il mondo – del fatto che le donne performino meglio degli uomini. Il genere femminile è più efficacemente orientato al cambiamento quando guida un team, elabora e comunica meglio la propria visione del business, approccia il problem-solving con creatività, tende a essere più oggettivo e leale nel processo di valutazione dei dipendenti.

Allora, come impedire che uomini incompetenti diventino leader?

Chamorro-Premuzic spiega che cosa occorre per essere davvero leader e come nuovi sistemi e processi di selezione possano aiutarci a mettere le persone giuste, soprattutto se donne, nei posti chiave e nelle posizioni di vertice. Il progresso inizia da ognuno di noi: se vogliamo migliorare il livello di competenza dei nostri “capi”, dovremmo prima di tutto migliorare le nostre competenze per giudicare e selezionare i leader.

Come sottolinea Severino Salvemini, professore di Organizzazione aziendale presso l’Università Bocconi, nella Prefazione: “Poiché tutti noi desideriamo una migliore classe dirigente, non dobbiamo abbassare gli standard quando selezioniamo persone di genere femminile per dare loro uguali opportunità: dobbiamo invece alzare l’asticella quando selezioniamo il genere maschile, in modo che nulla venga dato per scontato”.

L’AUTORE: Tomas Chamorro-Premuzic, psicologo, saggista e imprenditore, è nato e cresciuto nel quartiere Villa Freud di Buenos Aires, ma ha trascorso la maggior parte della sua carriera professionale a Londra, e ora vive a Brooklyn. Attualmente è Chief Talent Scientist di Manpower Group, co-fondatore di Deeper Signals e di Metaprofiling. Il suo curriculum conta studi alla New York University, alla London School of Economics, alla Harvard Business School, alla Stanford Business School, alla London Business School e all’IMD di Losanna. Attualmente è professore di “Psicologia aziendale” all’University College di Londra e alla Columbia University.

Dati tecnici:

in libreria dal 3 giugno 2020

Egea 2020 –

pp. 188 – € 25,00

Servizio Precedente

Ma la Repubblica italiana sta copiando dalla democratica Romania di Ceausescu?

Prossimo Servizio

Luca Parmitano ha dichiarato che conosceva l'esistenza del Covid19 già a novembre

Ultime notizie su Cultura