Categorie: Cultura

L’ultima rivolta popolare contro il tricolore arrivò dalle Alpi. La battaglia dei montanari valdostani del 1853

di Roberto Gremmo – Anche quest’anno è giusto ricordare una pagina importante della storia più vera dei nostri popoli: la sfortunata rivolta montanara valdostana del 1853. L’ultima battaglia popolare prima delle infauste avventure militariste del risorgimento.   

E’ un episodio che trae origine da quando, giunto al governo del Piemonte Camillo Cavour impose una politica ultra liberista, favorendo l’importazione di grano dall’estero e l’aumento dei costi di macinazione dei cereali, alzando il prezzo delle merci, e soprattutto del pane. Forti proteste popolari si svilupparono spontaneamente a Genova, Stradella, Bra, Arona e Barge mentre centinaia di torinesi scontenti manifestarono vivacemente anche sotto la casa del capo del Governo, dove esplose anche un ordigno.   

Nei giorni seguenti, durante un processo, risultò che la scelta antiproibizionista di Cavour non era casuale, perché, come azionista di un mulino, in palese conflitto  d’interesse, il capo del governo aveva imposto una legge che lo favoriva direttamente.   

Mentre cresceva la protesta, in Valle D’Aosta partendo dal piccolo borgo montano di Champorcher, centinaia di montanari, spinti dalla fame, dall’esosità delle nuove tasse e dal timore che i cambiamenti imposti dal governo provocassero sconquassi nella morale, si ribellarono, rinnovando le glorie delle insorgenze antifrancesi del 1799 e del 1800.   

La rivolta doveva passare alla nostra storia come quella del “reggimento degli zoccoli”.  Un’armata di poveri popolani, armati alla bell’e meglio di falci, bastoni, zappe e fucilacci sgangherati, il giorno di Natale, incurante della neve e del gelo, scendeva dalla montagna, ribellandosi contro Cavour, il liberismo, le tasse e la politica antireligiosa. 

Per tre giorni, centinaia di “Socques” occuparono la val d’Aosta, misero a sacco le botteghe e i magazzini, spaventarono i buoni borghesi e bruciarono le bandiere tricolori, inneggiando al “buon tempo antico”.   

Fermati con l’inganno, rinchiusi a centinaia in prigione, dopo più di un anno di carcere, processati a Torino, vennero quasi tutti assolti.   Non dobbiamo dimenticare la loro coraggiosa e sfortunata rivolta perché è stata l’ultima, troppo isolata ed ormai tardiva resistenza del mondo tradizionale alpino al liberismo capitalista ed al peggior centralismo che, con la forza delle armi, proprio allora faceva nascere l’Italia.

Roberto Gremmo

Articoli recenti

Zelensky al G7, l’abbraccio con Meloni. In serata il vertice con Biden per accordo sulla sicurezza

 Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è arrivato a Borgo Egnazia per partecipare al vertice del…

1 ora fa

La Catalogna: Clausola catalana nelle leggi di Madrid, per non scavalcare il territorio

 Il partito indipendentista Junts per Catalunya ha annunciato di aver concordato con il governo guidato…

2 ore fa

Quando il bossiano Bresciani stava creando in sanità l’Europa delle Regioni. Chi ha distrutto il progetto?

di Stefania Piazzo - Luciano Bresciani, medico chirurgo con un curriculum invidiabile, allievo di Barnard,…

4 ore fa

Meloni apre i lavori del G7 in Puglia

Ha preso il via nel resort di Borgo Egnazia, in Puglia, il vertice G7 organizzato dall'Italia e…

5 ore fa

Chiedono il Var a Montecitorio per vedere chi mena. Ecco i lottatori della democrazia che scambiano la Camera per un campetto di calcio

di Stefania Piazzo - Cosa ci si può aspettare dai politici? Che lavorino, che siano…

7 ore fa

Rassemblement Valdôtain: Elezioni europee 2024, un buon punto di partenza

Riceviamo da Rassemblement Valdôtain e pubblichiamo Rassemblement Valdôtain nella riunione di questa sera della sua…

22 ore fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto