Liceo del Made in Italy, sbagliare è umano, non si perseveri

13 Febbraio 2024
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – “È difficile individuare in maniera unitaria ed uniforme il made in Italy, varia da produzioni particolari di un territorio ad altre completamente differenti a pochi chilometri di distanza.
Inoltre ci si chiede, a ragione, se la scuola del made in Italy non sia già ben rappresentata dalla pluralità di istituti tecnici, industriali, agrari, turistici che, sotto la direzione di dirigenti lungimiranti, già da anni attivano collaborazioni e scambi con le realtà culturali, sociali, produttive ed industriali dei territori in cui operano”.


Scrivevamo così alcuni mesi fa sul nuovo liceo del Made in Italy che dovrebbe partire col 2024/25.
Non inventavamo niente, seguivamo semplicemente quanto affermava la segreteria di CISL scuola Barbacci: “Abbiamo sempre avuto, come CISL Scuola, più d’una perplessità sull’istituzione di un nuovo percorso scolastico, il liceo del made in Italy, che attraverso la definizione “forzosa” di un profilo ci sembra rispondere più a un’operazione di immagine che a un effettivo e specifico fabbisogno formativo”.

Speravamo di essere smentiti, a quanto pare gli studenti ed i loro genitori la pensavano come noi se durante questa fase di iscrizioni al primo anno delle scuole superiori il liceo del Made in Italy è stato scelto da 375 (trecentosettantacinque ) ragazzi in tutta Italia.
Che sia davvero solo uno slogan il liceo del Made in Italy?

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

I nati in Italia sono il 67,5% degli alunni con cittadinanza non italiana

Prossimo Servizio

Varsavia – Il ministero degli Affari esteri: “Le 10 bugie di Putin su Polonia e Ucraina”

Ultime notizie su Cultura

Intelligenza artificiale dilaga per fare i compiti

 L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore, compreso quello dell’istruzione. Secondo una ricerca condotta da Tgm Research per conto di NoPlagio su un campione di mille persone, il 71% dei ragazzi dai 16
TornaSu