Landini: Nel devastare la Cgil hanno lasciato intatto Guttuso. Era troppo capire per loro chi fosse

16 Ottobre 2021
Lettura 1 min

 “Serve investire nella cultura e nella conoscenza, diritti da garantire a tutti”. A rinnovare la richiesta al governo dal palco di Roma è il leader Cgil, Maurizio Landini. E a supporto della proposta racconta come la devastazione del piano terra della sede nazionale del sindacato, sabato scorso, ad opera di forze neofasciste e no vax “abbia lasciato intatto un bellissimo quadro di GUTTUSO: mi sono detto che forse non sapevano chi fosse, era troppo complicato per loro”. 

Foto dal sito https://www.cgil.it

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Sindacati in piazza a Roma, in 200mila contro lo squadrismo

Prossimo Servizio

Bassetti: No a tamponi gratis a chi non vuole vaccinarsi

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu

Don't Miss