La Rai come la Bbc?

18 Novembre 2020
Lettura 1 min

di Marcus Dardi – Andrea Orlando, vice presidente del PD, nell’ottobre del 2020 ha posto in evidenza un problema che da anni attraversa il mondo della televisione: quello della pluralità e della competizione tra le reti.

Naturalmente il primo pensiero va alla Televisione pubblica di Stato, la amorevolmente soprannominata, Mamma Rai.

La proposta è quella di affidare la gestione della RAI ad una fondazione. Il sottosegretario all’editoria si è sbilanciato ancora di più pronunciando queste parole “La politica non può più comandare sulla Rai. Se vogliamo cambiarla davvero abbiamo bisogno di quella Governance autonoma e indipendente, in grado di lavorare senza i condizionamenti dei partiti”

Quindi l’idea è quella di affidare ad una fondazione la proprietà, la scelta delle strategie e dei vertici operativi.

Ma non c’è nulla di nuovo sotto il sole, il modello a cui ci si ispira è quello della BBC. La prima TV di servizio pubblico al mondo.

Un po’ di storia. I primi esperimenti televisivi italiani risalgono al 1934 e furono effettuati al Teatro di Torino. Le prime trasmissioni avvennero tra il 1939 e il 1940 a Roma negli studi della EIAR. La RAI inizia la sua programmazione il 3 gennaio del 1954 con una breve rubrica settimanale condotta da Armando Pizzo e Mike Bongiorno. Nel 1940, nelle case degli italiani, c’erano solo 15.000 televisori.

Il 4 novembre 1961 nasce il secondo programma, chiamato oggi RAI2.

Nei primi degli anni ’70 nascono le prime TV private.

Il 1 febbraio 1977 anche l’Italia ha la TV a colori. Negli Usa c’era già dal 1954 e in Francia, Germania e UK dal 1967.

Nel 1979 nasce RAI3

Nel 1980 Berlusconi fonda canale 5 che sostituisce Telemilano. Nello stesso anno Rusconi fonda Italia1 e Mondadori Rete4 che verranno poi rilevate dalla Fininvest nel 1982 e nel 1984.

Sarà poi un proliferare di frequenze e antenne, Pay TV, digitale terrestre satellite ecc…

Quale sarà il futuro della TV? Difficile a dirsi, certo è che il pubblico è frazionatissimo, i giovani si sono spostati sulle piattaforme social e su internet. Le TV locali sono scadute in qualità e contenuti, la pubblicità ha nauseato e l’infodemia pure.

La tendenza del pubblico colto è quella di rivolgersi alle TV specializzate in precise tematiche. Vien da dire, meglio pochi, ma buoni.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Dieci suore per un vescovo? giallo di Agrigento

Prossimo Servizio

Caso LFM: imprenditore Barachetti non risponde al gip

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu

Don't Miss