La patria del Porta (ovvero: contro le forzature nazionalistiche)

Lettura 4 min

di Pierluigi Crola – Erroneamente, per malafede o per ignoranza, si vuol attribuire al Porta un’adesione convinta alla causa italiana. Ma si tratta di un vero e proprio abbaglio storico. E vi spiego il perché.

Due sono i componimenti principali dove implicitamente o più palesemente el nòst Carlin illustra il suo pensiero patriottico: il primo, quello dove si parla più velatamente di patria, è del dicembre 1815, il secondo, quello dove si cita l’Italia, è del 1814.

Nel primo, il famoso Brindes de Meneghin a l’ostaria per l’entrada in Milan de Sova S. C. MAISTAA I. R. A. Franzesch Primm in compagnia de Sova miee l’Imperatriz Maria Luvisa, accanto ad un dovuto omaggio per l’arrivo di Francesco I, il Porta esprime, con una sagace metafora enologica, abbastanza chiaramente l’esigenza impellente di una patria che non sia né Austria (Toccaj), né Spagna (Alicant), né Francia (Sciampagn).

Che Toccaj, che Alicant, che Sciampagn,
che pacciugh, che mes’ciozz forester!
Vin nostran, vin di noster campagn,
ma legittem, ma s’cett, ma sinzer,
per el stomegh d’on bon Milanes
ghe va robba del noster paes.
Nun che paccem del bell e del bon,
fior de manz, de vedij, de cappon,
fior de pan, de formaj, de butter,
no emm besogn de fà el cunt coj biccer,
e per quest la gran mader natura
la s’è tolta la santa premura
de vojann giò de bev col boccaa
fior de scabbi passant e salaa,
fior de scabbi mostos e suttir
di nost vign, di nost ronch, di nost fir.
Vin nostran, vin nostran, torni a dì,
de trincà col coeur largh e a memoria,
chè di vin forestee la gran boria
per el pù la va tutta a fornì
in d’on pôff, fumm e scumma, e bott lì!

Il vino buono, fuor di metafora la soluzione al problema politico, non può che venire da una giusta e sacrosanta autodeterminazione (per el stomegh d’on bon Milanes /ghe va robba del noster paes), poiché le soluzioni straniere non sono che un bluff.

Essendo, inoltre, il componimento stato scritto circa 40 anni prima delle 5 giornate e circa 50 anni prima dell’Unità d’Italia, dubito che il noster paes portiano sia la repubblica italiana.

Nel secondo componimento, A certi forestee che viven a Milan e che ne sparlen, è vero che parla degli italiani, ma ne parla in qualità di forestieri; inoltre quando parla di italiani si riferisce ai Veneziani, che si rifiutano di “collaborare politicamente” coi lombardi. E se l’Italia è conciata così male, è proprio colpa degli italiani.

Merda ai vòst ariezz,

marcanaggi pajasc de forestee!

Andee foeura di pee,

tornee pù per on pezz:

fenela sta regina di finezz!

…………………………………………………

Merda, ve torni a dì,

marcanaggi pajasc de forastee!

Andee foeura di pee,,

e innanz de tornà chì

specciee de prima che vel diga mì.

E chi hin sti forestee

Che se la scolden tant contra Milan?

Hin cines, hin Persian?

Sur nò; hin tutt gent chì adree,

hin d’Italia anca lor … Peh! La minee!

O Italia desgraziada,

cossa serv andà a toeulla cont i mort

in temp che tutt el tort

de vess inscì strasciada

l’è tutt de Tì, nemisa toa giurada!

E dal momento che questo componimento è stato scritto nel 1814, e il Regno d’Italia di Napoleone, finiva proprio nello stesso anno, capiamo bene a quale italiani e a quale Italia il Porta si riferiva. E se questa è la patria del Porta, potrebbe, tutto sommato, andarmi bene. Ovviamente amministrata da Padani.

Servizio Precedente

Sindrome post Covid su organi bimbi, è la Mis-C. Peggio della sindrome di Kawasaki

Prossimo Servizio

Giordania, arrestato il principe Hamzah. Complotto contro il re

Ultime notizie su Cultura