La Crusca all’Inps: perché usate termini inglesi in nome della “semplificazione”?

Lettura 2 min

Perché per semplificare si usano termini fuori dal linguaggio comune? Se semplificazione deve essere, che almeno sia in italiano. Ed eccola reprimenda linguistica che arriva dalla Crusca. “Anglicismo inutile e non chiaro”, il termine switch off usato dall’Inps sul proprio sito in merito alla notizia sul passaggio dal Pin allo Spid. Così ha sentenziato il gruppo Incipit dell’Accademia della Crusca che si occupa di esaminare e valutare neologismi e forestierismi ‘incipienti’. “Con rammarico – si spiega da Incipit – dobbiamo rilevare quello che a nostro giudizio è un difetto di comunicazione in una pagina del sito dell’Inps” alla notizia ‘Dal 1 ottobre il Pin Inps lascia il passo a Spid’.

“Nel testo si legge fra l’altro che ‘con lo switch off dal Pin allo Spid l’Inps rafforza il diritto dei cittadini alla semplificazione dei rapporti'” con la Pa. Per Incipit, switch off “non avrebbe dovuto essere impiegato in quel contesto, in un sito di larga comunicazione”: piu’ che “sufficiente” il “termine italiano ‘passaggio'”. “L’utente del sito Inps non e’ tenuto a sapere che in inglese ‘switch off’ e’ un ‘phrasal verb’ che significa ‘stop the flow or operation of something by means of a tap, switch, or button’“.

“Ci stupisce – aggiunge Incipit – la motivazione”, ovvero che “in nome dello switch off, si invoca ‘il diritto dei cittadini alla semplificazione'” . Incipit ricorda che questo è il loro secondo intervento per le scelte linguistiche dell’Inps “di cui apprezziamo lo sforzo immane compiuto durante la pandemia”: “Il nostro suggerimento, dettato da uno spirito di collaborazione, vuole essere un incentivo diretto a migliorare il rapporto con il pubblico, nel quadro di un’attenzione all’uso della lingua che auspichiamo più avvertito”. 

Photo by Max Chen

Servizio Precedente

Mascherina a scuola. Un bambino sviene e si ferisce sbattendo la testa a Verona

Prossimo Servizio

Perché non voterò al referendum? Perché il risparmio è avere il residuo fiscale, non tagliare i parlamentari

Ultime notizie su Cultura