Italo raddoppia i posti a disposizione per i cani che viaggiano con noi

Lettura 2 min

 Italo rivoluziona l’offerta per chi viaggia insieme al proprio cane, agevolando gli spostamenti del padrone e del suo amico a 4 zampe. Raddoppiati i posti a disposizione sui treni, saranno 5 sugli Agv di Italo (rispetto ai 2 precedenti) e 4 sugli Italo Evo (mentre prima anche qui erano solamente 2), per garantire una soluzione di viaggio confortevole, con la possibilità di avere il proprio cane accanto a sé, mettendolo a suo agio durante il tragitto, sdraiato liberamente vicino al sedile del padrone senza dover stare nel trasportino. Il servizio diventa prenotabile in autonomia anche online, indipendentemente dalla tariffa di viaggio che acquista il padrone del cane (non più legato alla sola tariffa Flex come in precedenza). Italo, inoltre, per favorire gli spostamenti con il proprio cane, ha stabilito nuove fasce di prezzo, legate alla lunghezza della tratta. In questo modo si parte da 19,90 sulle tratte brevi come la Roma-Napoli o la Roma-Firenze, garantendo la possibilità di risparmiare e portare il proprio amico sempre con sé. Rimane poi in vigore la possibilità di portare gratuitamente il proprio cane a bordo treno, se di piccola taglia, ossia che entri nel trasportino da 70 cm e con un peso non superiore ai 5kg. ”Negli ultimi anni il rapporto con i nostri amici a 4 zampe si è evoluto sempre di più fino a farli diventare parte integrante della famiglia. Per questo motivo Italo lavora da sempre per agevolare i viaggi in compagnia dei propri animali da compagnia e ha studiato nuove proposte per renderli ancor più facili ed economici” dichiara Fabrizio Bona, Chief Commercial Officer di Italo. ”E’ una grande soddisfazione per tutti noi avere treni sempre più pet friendly e siamo certi che i viaggiatori, e tutti gli amanti degli animali, apprezzeranno la nostra nuova strategia”. 

Servizio Precedente

Strappo dei 5Stelle sul Green pass: Ordine del giorno per abolirlo. Conte: Non è questa la linea

Prossimo Servizio

Heineken: Da un giorno all'altro costi folli per la birra

Ultime notizie su Cultura