Il caso dei disabili che non hanno potuto viaggiare in treno nei posti prenotati. Polfer non allertata. “Trenitalia aveva proposto pullman”

Lettura 1 min

Alla Polfer di Genova non è stato richiesto alcun intervento da parte del personale di Trenitalia per risolvere la questione relativa ai 27 passeggeri disabili, che ieri pomeriggio, hanno trovato occupati i posti prenotati sul treno da Genova a Milano e sono stati costretti a rientrare in pullman. E’ quanto apprende l’agenzia ‘Dire’ da fonti qualificate. A quanto risulta, la Polizia ferroviaria in servizio alla stazione Principe non è salita sul convoglio, al quale non ha fatto accesso neppure il gruppo di disabili, ma è intervenuta esclusivamente per un intervento routinario a causa del sovraffollamento del treno, che risultava pieno sia nei posti a sedere che in piedi. Secondo quanto ricostruito, non si è neppure reso necessario un intervento d’ufficio in quanto il capotreno e Trenitalia avevano individuato una soluzione alternativa per il viaggio della comitiva, attraverso l’offerta di un pullman sostitutivo.

Servizio Precedente

“Con Donbass e Crimea per Putin raggiunti due terzi degli obiettivi”

Prossimo Servizio

Catalangate, il più grande caso di cyberspionaggio contro i leader indipendentisti

Ultime notizie su Cultura