Categorie: Cultura

I lombardi esistono o sono un’invenzione?

di Cuore Verde – Nell’articolo “Breve storia dell’egemonia della destra in Lombardia” di Davide Maria De Luca, pubblicato il 29 novembre dal quotidiano DOMANI, ho letto alcune, a mio avviso singolari, affermazioni di Jacopo Tondelli, “scrittore e direttore del sito Gli stati generali, nato e cresciuto nella periferia milanese”. Tondelli sostiene che «I lombardi non esistono e la Lombardia è una bellissima invenzione». E ancora «La Val Trompia è diversa dall’Oltrepò Pavese, mentre Mantova è una città emiliana. La genialità di Miglio e Bossi è stata fingere di credere nel dio Po, per dire che in realtà si erano stufati di pagare le tasse».

Non so. Sono veneto, conosco bene Mantova e ho vissuto per lavoro in Trentino, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e Liguria. Probabilmente, più che Mantova emiliana, direi Piacenza lombarda. Tenuto conto che fino al 1700 per “Lombardia” si intendeva quella che ora viene chiamata Padania, ovvero, tutto il “nord-Italia”. Da Longobardia. O non sono nemmeno esistiti i Longobardi? Scrive poi l’Anonimo Genovese, poeta del Duecento: “Zenoa è citae pinna de gente e de ogni ben fornia; con so porto a ra marina, porta è de Lombardia”. Porta della Lombardia “intesa allora come Padania o addirittura come Italia settentrionale” come si legge in “Antologia della Poesia Italiana – Duecento” edita da Einaudi. 

Per quanto possa essere limitata la mia esperienza, mi riesce difficile pensare che non esista la Lombardia e, soprattutto, la Padania. I riferimenti storici e culturali che potrei ulteriormente citare sono molteplici ma questa volta mi limiterò a riportare il testo di presentazione della rivista “PADANIA – storia cultura istituzioni” dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara, fondata nel 1985. 

Padania – storia cultura istituzioni – Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara (isco-ferrara.com) 

“L’area padana, regione cerniera tra la penisola mediterranea e il resto dell’Europa. Lo spazio geografico attorno e lungo il “grande fiume” in cui si é sviluppata una civilizzazione con caratteri fortemente similari, nonostante le lunghissime vicende di suddivisioni statali. Ricostruirne i tratti comuni senza trascurarne le diversità. L’obiettivo che PADANIA si propone avendo come pubblico ideale non solo studiosi e ricercatori ma quanti amano e si sentono protagonisti di questo mondo padano. Il progetto culturale della rivista privilegia quegli aspetti del vivere in comunità urbane e rurali che testimoniano un percorso comune, al di sopra e al di fuori dei confini stabiliti dalle diverse realtà amministrative: forme del lavoro, strutture di rappresentanza degli interessi e delle aspirazioni, tensioni ideali, immagini collettive, rapporti civili, esperienze e temi della vita quotidiana”.

In questo caso, condivido ogni singola parola. Per tutti quelli che amano e si sentono protagonisti di questo mondo padano. 

Redazione

Articoli recenti

Terzo mandato, Meloni schiacciasassi. Lega e Fdi separati in casa. Zaia non commenta

 "La proposta è stata bocciata" in commissione poi se ne parlerà nell'Aula del Parlamento, che…

8 ore fa

Botticelle, Meyer: la Lega respinge l’emendamento per abrogare le fuori dal tempo e dallo spazio carrozze con cavalli

Le carrozze con cavalli possono continuare a circolare nel traffico cittadino e nello smog. "Nonostante anni di proteste,…

13 ore fa

Madrid – Partito popolare boccia proposta di JxCat per uso lingue co-ufficiali in Senato.

Il Partito popolare (Pp) spagnolo, che ha la maggioranza assoluta al Senato, ha bocciato la…

17 ore fa

La Lega ritira emendamento per terzo mandato dei sindaci nelle grandi città

Prima l'autonomia che non verrà, vincolata al fatto che o tutte le regioni offrano le…

17 ore fa

C’era una volta l’auto made in Italy – Il libro inchiesta di Marco Lupis

Ombre cinesi a Mirafiori?  L’auto made in Pechino, a quanto pare, sbarca prepotentemente in Italia, almeno…

17 ore fa

Usiamo cookie per ottimizzare il nostro sito web ed i nostri servizi.

Leggi tutto