Hollywood. Dal 2024 il premio Oscar sarà attribuito rispettando i criteri d’inclusione

Lettura 1 min

di Carlo Andreoli – Siamo alla follia. Dal 2024 l’attribuzione del più importante premio del cinema sarà soggetto a criteri d’inclusione.
Sembra l’ennesima barzelletta ma purtroppo è la  dura e cruda realtà. Un’azione liberticida nei confronti del genio artistico, una limitazione folle che limita l’estro dei registri.

Il film potrà essere scadente ma l’importante è che in questo, si includa tra i suoi protagonisti  principali almeno un attore appartenente a «un gruppo etnico o razziale sotto rappresentato» o il 30 per cento di chi recita in ruoli «secondari o minori»  si definisca LGBTQ+. Questo è il nuovo diktat.

L’ennesima dimostrazione di una dittatura del pensiero unico, impregnata della più vera essenza marxista che persegue l’obiettivo dell’omologazione.
La decisione è stata presa dalla “Academy of Motion Picture Arts and Sciences”  che ha giustificato la decisione intrapresa, sottolineando l’obiettivo di «creare una comunità più equa e inclusiva».

Terrificanti le parole del Presidente dell’Academy David Rubin: “L’apertura deve allargarsi per riflettere la nostra popolazione globale diversificata sia nella creazione di film che nel pubblico che si connette con loro. L’Academy si impegna a svolgere un ruolo fondamentale nell’aiutare a rendere tutto ciò una realtà. Riteniamo che questi standard di inclusione saranno un catalizzatore per un cambiamento essenziale e duraturo nel nostro settore“.

Prepariamoci al peggio.

Servizio Precedente

Dopo i test a Fiumicino, il Lazio sorpassa ancora la Lombardia: tornano i medici scolastici

Prossimo Servizio

Verona. Festival della Bellezza "ruba" immagine ad artista (raffigurante una minorenne) per promuovere l'evento su eros

Ultime notizie su Cultura