Giornata della Memoria e Mostra Transatlantic Bridges al Cima di New York – Concerto sul poema di Lorenzo il Magnifico, musica di Vittorio Rieti

26 Gennaio 2024
Lettura 1 min

Il Center for Italian Modern Art (CIMA) proporrà, in occasione della mostra Transatlantic Bridges:
Corrado Cagli, 1938-1948 e della Giornata Internazionale della Memoria, il concerto The Triumph
of Bacchus and Ariadne.


La partitura de The Triumph of Bacchus and Ariadne sarà presentata nella sua interezza per la prima
volta dalla prima rappresentazione della Ballet Society (l’attuale New York City Ballet) nel 1948.
Il coro Cantori New York, diretto da Mark Shapiro, eseguirà la musica di Vittorio Rieti per il
balletto-cantata The Triumph of Bacchus and Ariadne, basato sul poema rinascimentale di Lorenzo
de’ Medici il cui ritornello “del doman non v’è certezza” certamente risuonava con l’esperienza di
sfollamento nel periodo immediatamente successivo alla seconda guerra mondiale.


Ideato dal pittore, scenografo e organizzatore culturale Corrado Cagli, anche in The Triumph of
Bacchus and Ariadne riecheggiano la sua resa dei conti con la vita nell’Italia fascista, la catastrofe
della guerra e lo sterminio di massa degli ebrei.


The Triumph of Bacchus and Ariadne
Concerto per piano e coro
dal poema Del doman non v’è certezza
di Lorenzo Il Magnifico (1449-1492)
Musica di Vittorio Rieti (1898-1994)
Progetto e design di Corrado Cagli (1910-1976)
Produzione della Ballet Society (1948)

con Cantori New York:
Mark Shapiro, Direttore Artistico
Shelén Hughes, soprano
Matthew Anchel, basso
Baron Fenwick, piano
Seguirà una presentazione di Raffaele Bedarida,
autore del volume Corrado Cagli: Transatlantic Bridges 1938-1948, CPL Editions 2023 e curatore di
Transatlantic Bridges: Corrado Cagli, 1938-1948, l’esposizione aperta al CIMA fino al 27 gennaio 2024
Totale durata: 80 min.
Questo evento fa parte di una serie di programmi organizzati in occasione della Giornata
internazionale della memoria dell’Olocausto.
CIMA
Fondato nel 2013 dalla storica dell’arte Laura Mattioli, il Center for Italian Modern Art (CIMA) èuna fondazione pubblica no profit dedita a promuovere l’arte italiana moderna e contemporanea presso un pubblico internazionale. Attraverso mostre apprezzate dalla critica, una ricca programmazione di eventi pubblici ed un prestigioso programma di borse di studio internazionale, CIMA colloca l’arte moderna italiana in nuovi e più ampi contesti storici e culturali, evidenziandone il fondamentale contributo allo sviluppo della cultura artistica internazionale. Situato in un luminoso loft nello storico quartiere di SoHo a New York City, CIMA offre un ambiente intimo che permette di apprezzare al meglio le opere d’arte. Le visite guidate della mostra, condotte dai borsisti ricercatori che CIMA invita a New York come parte della propria missione educativa, iniziano con la degustazione di un caffè espresso e sono seguite da un percorso della mostra concepito in modo da favorire un dialogo tra borsisti e visitatori.

I programmi pubblici del CIMA offrono numerose opportunità per approfondire i
temi della mostra e la conoscenza dell’arte italiana; e costituiscono una piattaforma volta a promuovere il
dialogo tra artisti, ricercatori, scrittori e altre figure di spicco del mondo dell’arte e della cultura.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Giorgetti: In Europa serve finanziamento comune per innovare. Basta andare in ordine sparso

Prossimo Servizio

Economia, un lungo autunno freddo secondo Confcommercio

Ultime notizie su Cultura

TornaSu