Giornalisti aggrediti in piazza da No vax: Si chiede libertà di comportamento ma non si rispetta libertà di stampa

Lettura 1 min

Il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna interviene sulle aggressioni nei confronti degli operatori dell’informazione registrate in questi giorni nel clima rovente che caratterizza le contestazioni contro le misure antiCovid adottate dal Governo. “C’e’ un clima di violenza da condannare – evidenzia Verna – intorno alla questione vaccinazioni e green pass. Intollerabili le aggressioni a giornaliste e giornalisti, cui va, ed e’ il minimo, la solidarieta’ della categoria. L’Ordine nazionale valuta pero’ che non trattandosi piu’ di un caso isolato occorra elaborare una strategia o un protocollo di tutela. Si ritiene, ma sara’ esplicitamente richiesto, che possa farsene carico il coordinamento per la sicurezza dei giornalisti minacciati presso il Viminale, cui si ribadisce il ringraziamento per il lavoro svolto finora su altre casistiche di grande rilevanza, relative e rischi fisici cui sono esposti coloro che informano. Chiedere liberta’ di comportamento, nonostante la tragicita’ della pandemia, e non rispettare la liberta’ di stampa e’ l’esaltazione di assurdita’ e incoerenza”.

Servizio Precedente

Il mio amico Gino Strada, un "ateo" con le radici nel Vaticano II

Prossimo Servizio

Zaia, la riapertura delle scuole è la madre di tutte le battaglie. in arrivo 1 milione di tamponi salivari

Ultime notizie su Cultura