Festa catalana Sant Jordi sbarca a Milano? No, a Roma

Lettura 2 min

 23 aprile e’ la festa di Sant Jordi (San Giorgio), dal 1456 patrono della Catalogna, dove e’ tradizione donare libri e rose, che rappresentano la celebrazione della cultura e dell’amore. La Delegazione in Italia del Governo della Catalogna da diversi anni promuove iniziative per far conoscere al pubblico italiano questa tradizione. Quest’anno, non potendo organizzare eventi in presenza a causa della pandemia, si e’ deciso di promuovere gli scrittori catalani grazie alla preziosa collaborazione dell’Associazione Librerie di Roma.

Venerdi’ 23 aprile chi decidera’ di acquistare un libro di un autore catalano in una delle librerie aderenti (https://bit.ly/3g3qRdd) ricevera’ in omaggio una rosa e una simpatica sorpresa. La festa nasce in Catalogna per fidanzati e innamorati sulla leggenda del cavaliere che salvo’ la figlia di un re uccidendo un drago, dal cui sangue spunto’ un roseto, motivo per il quale si regala una rosa alla persona amata. Negli anni Venti del secolo scorso si aggiunse la consuetudine di regalare anche un libro. Questa tradizione e’ all’origine della proclamazione da parte dell’Unesco, nel 1996, della Giornata mondiale del Libro, proprio il 23 aprile, data che coincide con la morte di due grandi autori come Cervantes e Shakespeare.

A Barcellona e nel resto della Catalogna, il 23 aprile e’ consuetudine vedere le strade e le piazze piene di bancarelle che vendono rose e libri. Si trovano volumi in tutte le lingue ma in particolare libri in catalano o di autori catalani, in quanto quello di Sant Jordi e’ uno dei giorni della promozione e della difesa della lingua e della cultura catalane. Con gli anni, infatti, la festa e’ diventata un momento di rivendicazione dell’identita’ catalana e in molti balconi viene esposta la senyera, la bandiera del Paese. Il logo della festa rappresenta il cavaliere Sant Jordi (l’elmo) con gli elementi caratteristici della festa, la rosa e il libro.

Photo by Max Kobus 

Servizio Precedente

Meno casi ma tracciamento ancora impossibile. Gimbe: incremento in diverse Regioni

Prossimo Servizio

“INSUBRIA: UNA TERRA CELTICA NEL CUORE DELL'EUROPA”. Webinar di Terra Insubre con Minella il 16 aprile

Ultime notizie su Cultura