Dl Zan, Movimento Nuovo Sud chiede tutela anche per meridionali

20 Luglio 2021
Lettura 1 min

Senza entrare nel merito del dibattito in corso sulla legge Zan, il Movimento per il Nuovo Sud ha inviato ai parlamentari meridionali la richiesta di presentare un nuovo emendamento. Manca, nella legge e nell’acceso dibattito in corso, qualsiasi riferimento ad un altro consistente gruppo di cittadini italiani: i circa 20 milioni di meridionali che subiscono discriminazioni da troppo tempo. Lo dice in una nota il Movimento per il nuovo Sud. Da oltre un secolo e mezzo – si legge – è nata e non è stata mai risolta una questione meridionale sempre più grave. Da oltre un secolo e mezzo, senza alcuna soluzione di continuità, il Sud ha la metà dei diritti e dei servizi del resto dell’Italia con dati spesso drammmatici se si pensa al lavoro, alle nuove emigrazioni giovanili, alla vita media, alla mortalità neonatale, alla scuola o alla sanità. Oltre 800 i miliardi sottratti al Sud solo negli ultimi 20 anni “grazie” alla assurda applicazione del federalismo e dei criteri della “spesa storica” mentre aumentano i dubbi in merito alla reale assegnazione dei finanziamenti del Recovery Fund. Nel vero e proprio “santuario” contro la discriminazione della legge Zan, registriamo con indignazione – ancora la nota – l’assenza della discriminazione subita da sempre dai meridionali. Il nuovo emendamento o la nuova legge-Sud dovrebbe prevedere punizioni severe, magari oltre che per le “discriminazioni basate su sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e disabilità”, per chi discrimina i meridionali nelle scelte politiche, come nei tg, nei media, sui social o magari sugli stadi. A questo proposito, sulla base di quanto previsto dalla legge Zan, si propongono – avverte il Movimento – dei “Centri Antidiscriminazione Anti-meridionale” con la possibilità di attuare una campagna di sensibilizzazione e di diffondere anche presso le scuole informazioni e notizie in merito alla questione meridionale e alla sua mancata risoluzione.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Le Regioni: Pass al ristorante ma fuori da zona bianca. Obbligo per discoteche e grandi event

Prossimo Servizio

AperiVax a Palermo, un vaccino uno spritz e via

Ultime notizie su Cultura

Intelligenza artificiale dilaga per fare i compiti

 L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore, compreso quello dell’istruzione. Secondo una ricerca condotta da Tgm Research per conto di NoPlagio su un campione di mille persone, il 71% dei ragazzi dai 16
TornaSu

Don't Miss