Comitato “Priorità alla Scuola” contro chiusura istituti

19 Ottobre 2020
Lettura 1 min

Il Comitato “Priorità alla Scuola” dice no alla chiusura delle scuole in Campania perché “il diritto all’istruzione deve essere garantito uniformemente su tutto il territorio nazionale”. Per questo motivo il Comitato organizza oggi presìdi e flash mob davanti a tutte le sedi delle Regioni per ribadire la contrarietà alla chiusura delle scuole salvo nel caso in cui sia deciso un lockdown completo di tutto il Paese. Il Comitato sostiene che per dare vera priorità alla scuola e al diritto allo studio è necessario aumentare gli investimenti per trasporti e sanità, avere un sistema di tamponi rapidi e capillari, destinare alla scuola pubblica il 15 % del Recovery Fund e almeno l’aumento di un punto percentuale del PIL per la spesa ordinaria annua.

Il Comitato ha lanciato, “in solidarietà con studenti, docenti e famiglie campane”, una campagna di comunicazione sui social media con l’obiettivo di chiedere a studenti, docenti, genitori di inviare fotografie con il cartello “La scuola non si chiude, né in Campania né altrove” e di appendere i cartelli nelle scuole che devono restare aperte. Infatti, secondo i dati finora disponibili, non sono le scuole i luoghi di diffusione del contagio.

Secondo il Comitato “docenti e presidi hanno lavorato tutta l’estate, nonostante le indicazioni confuse e contraddittorie del Ministero, per riportare in classe gli studenti che ad oggi si stanno comportando responsabilmente, mantenendo le distanze e indossando mascherine anche quando non esplicitamente richiesto dalle norme”. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Decaro, sindaco di Bari: dicano prefetto e asl le zone rosse da chiudere

Prossimo Servizio

I presidi a Conte: Dateci una task force anti contagi. Ancora in alto mare con i banchi di Arcuri

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu