Caccia a un enigma matematico. L’astrofisico Tamburini risolve un quesito epocale

Lettura 1 min

Le edizioni Solferino di Milano pubblicano in questi giorni “IL MISTERO DEI NUMERI
PRIMI – Caccia a un enigma matematico” il primo libro divulgativo dell’astrofisico
veneziano Fabrizio Tamburini, classe 1963, uno degli scienziati italiani più conosciuti
al mondo, il quale, dopo sedici anni di ricerca, sembra essere giunto finalmente alla
risoluzione di uno dei più grandi enigmi matematici di tutti i tempi: quello
riguardante l’ipotesi di Riemann sui numeri primi.


Fisico teorico e ricercatore, pupillo di Dennis Sciama come Stephen Hawking prima di
lui, paragonato a Guglielmo Marconi e ispirato da Ettore Majorana, Tamburini è
costantemente corteggiato dai maggiori istituti di ricerca del mondo (dal Cern
all’MIT)ed è già stato notato dall’Accademia delle Scienze svedese e dall’Istituto del
Premio Nobel per la Fisica, per alcune sue imprese scientifiche precedenti (come la
scoperta della vorticità delle onde elettromagnetiche, che potrebbe cambiare per
sempre il mondo delle telecomunicazioni, nonché la misurazione del buco nero
M87), ma preferisce lavorare nella sua Venezia al progetto di un supercomputer
quantistico di ultima generazione.

Fabrizio Tamburini


Già pubblicata dalla rivista scientifica Physica Scripta nel 2021, la teoria di Tamburini
sta ricevendo numerose reazioni entusiastiche da parte della comunità scientifica
internazionale e se confermata ufficialmente, potrebbe valergli anche il premio di un
milione di dollaristanziato dal Clay Mathematics Istitute per la risoluzione di uno dei
cosiddetti “problemi del millennio”.


Nel suo libro, Fabrizio Tamburini racconta dunque la sua lunga e affascinante ricerca
verso la dimostrazione dell’ipotesi di Riemann, ma parallelamente l’altrettanto ardua
ricerca di se stesso, nel corso della quale lo scienziato ha fatto incontri straordinari,
con altrettanti personaggi che hanno lasciato un segno indelebile nella storia del
Novecento (fra gli altri ricordiamo papa Albino Luciani, Ayrton Senna, Joan Mirò,
Dario Fo, Helenio Herrera, Keith Haring, Stephen Hawking, Margherita Hack, fino
agli ultimi premi Nobel per la fisica: Roger Penrose, Giorgio Parisi eAnton Zeilinger).


Presentazione ufficiale del libro: Sabato 15 ottobre 2022, h. 18, presso il Circolo dei
Lettori di Torino. Ingresso libero su prenotazione.

Servizio Precedente

Salvini: Me ne andrò quando riporterò Lega al 30. E su iniziativa Bossi: Ci metto la firma anche io

Prossimo Servizio

Il Comitato del Nord bossiano sbarca su Facebook

Ultime notizie su Cultura