Beggiato incontra Kaswalder, Veneto e Trentino alleati per l’identità

25 Giugno 2020
Lettura 1 min

Un incontro tra vecchi amici, quello tra Ettore Beggiato, per tre legislature consigliere e assessore regionale del Veneto, e il presidente del Consiglio del Provincia Autonoma di Trento Walter Kaswalder, in nome della necessità di recuperare le relazioni storiche tra Trentino e Veneto. Un rapporto di amicizia e politico, che si basa su una comune visione culturale delle radici delle due realtà territoriali, del loro carattere e specificità. Il Leone di San Marco e l’Aquila di San Venceslao come simboli di due popoli che hanno saputo mantenere, nella loro lunga vicenda storica e nonostante l’impetuosa crescita economica degli ultimi decenni, le loro tradizioni e le caratteristiche di fondo. Tradizioni e tratti identitari da conservare e far conoscere alle nuove generazioni.

Ettore Beggiato, al termine dell’incontro, ha consegnato al Presidente Kaswalder il volume “1439: galeas per montes. Navi attraverso i monti” che racconta l’incredibile impresa che la Serenissima realizzò nel corso della guerra contro i Visconti: il trasporto di un’intera flotta di galee dall’Adriatico al Garda risalendo l’Adige fino a Mori, per poi trasportarle via terra attraverso Passo San Giovanni arrivando a Torbole dopo una pericolosa discesa, ricordando come proprio a Trento, città nella quale ha lavorato attorno agli anni ottanta, ha maturato la scelta autonomista.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

VIDEO / Sgarbi allontanato a forza dalla Camera dei deputati

Prossimo Servizio

Alzano, spuntano nuove carte sulle vittime. Legale comitato “Noi denunceremo” da pm

Ultime notizie su Cultura

Ci sono Savoia e Savoia….

di Roberto Gremmo – Con tutto il rispetto per il defunto, non credo meriti particolare omaggio il discendente dei Savoia Carignano (ramo cadetto della dinastia). Quando morì Umberto secondo noi autonomisti piemontesi
TornaSu

Don't Miss