Caso LFM: ville sequestrate, per procura frutto di reinvestimento di profitto illecito

Lettura 1 min

L’operazione immobiliare che portò Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni ad acquistare due villette sul lago di Garda era “inequivocabilmente connotata dall’unico obiettivo del reinvestimento del profitto proveniente dal peculato” che i due contabili della Lega avrebbero realizzato dall’acquisto di un capannone di Cormano, comune alle porte di Milano, destinato a diventare la sede di Lombardia Film Commission. Lo scrive il gip di Milano, Giulio Falanes, nel decreto di sequestro preventivo delle due unità immobiliari del “Green Residence Sirmione” di Desenzano sul Garda. Secondo il giudice milanese che ha accolto la richiesta di sequestro del pm Stefano Civardi e del procuratore aggiunto Eugenio Fusco, i due contabili (finiti agli arresti domiciliari il 10 settembre scorso) avrebbero utilizzato “una complessa architettura societaria” come “mero strumento volto al drenaggio di risorse pubbliche”.

Vale a dire i fondi destinati dalla giunta regionale presieduta da Roberto Maroni a Lombardia Film Commission, prima investiti nell’acquisto a prezzi gonfiati dell’immobile di Cormano, poi in parte approdati su conti correnti di società riconducibili a due contabili (Di Rubba è direttore amministrativo della Lega al Senato mentre Manzoni è revisore dei conti del Carroccio alla Camera) e infine utilizzati per rilevare le due villette di Desenzano.

“Ogni movimento di denaro, ancorchè ancorato ad un’apparente prestazione commerciale o professionale sottostante- aggiunge il giudice milanese nel provvedimento – si presenta in realtà avulso da qualsiasi ragione economica fondante in via ordinaria i rapporti tra privati, trovando la propria reale giustificazione soltanto nell’esigenza di dissimulare l’unico intento degli indagati rappresentato dal reinvestimento del profitto di peculato in un complesso immobiliare a spiccata vocazione turistica”.

Servizio Precedente

Caso LFM, in corso sequestro ville su Lago di Garda

Prossimo Servizio

Covid differenziato…. Sei positivo o in quarantena? I tuoi rifiuti devono finire da un’altra parte

Ultime notizie su Cronaca