VIDEO – Cogoleto, in seduta Giorno della memoria consiglieri votano con saluto romano

28 Gennaio 2021
Lettura 1 min

Il saluto romano ripetutamente usato per votare alcune delibere al posto dell’alzata di mano. Il tutto nella seduta di Consiglio comunale dedicata anche al “Giorno della Memoria”. E’ l’episodio denunciato su Facebook dal sindaco di Cogoleto, Paolo Bruzzone, e che ha visto protagonisti tre consiglieri di minoranza del centrodestra. Il Consiglio era anche trasmesso in diretta streaming. “Mi preme condannare con forza tale gesto, appartenente alla simbologia fascista, che evoca valori politici di intolleranza, odio e discriminazione razziale- scrive il primo cittadino- la nostra Cogoleto ha sempre difeso in maniera salda i valori antifascisti presenti nella Costituzione e mai, fino ad oggi, i dibattiti politici si erano dimostrati cosi’ estremi”.

Il sindaco, che non si era accorto sul momento dei gesti ma era intervenuto successivamente per stigmatizzarli a fine seduta, ribadisce “la preoccupazione mia e quella di tutta l’amministrazione per fatti che sono lontani dal nostro vivere quotidiano e dal rispetto che contraddistingue i valori democratici e di pace del nostro Paese. Gesti come quelli di ieri, che mi auguro non si ripetano piu’ in alcun modo, sono da stigmatizzare aspramente, ancor di piu’ se commessi da rappresentati delle istituzioni, in giornate cosi’ importanti e cariche di significato, come quella della Memoria, e dai banchi di una sala consiliare intitolata a Sandro Pertini”.  (Fonte Dire)

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Teatro La Scala: Sanremo non può essere eccezione, regole uguali per tutti

Prossimo Servizio

Mal di pancia tra Fratelli d’Italia e Lega su larghe intese

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu