Vertice ispano-francese a Barcellona. Mondo indipendentista in agitazione

Lettura 1 min

La ministra delle Finanze spagnola, Maria Jesus Montero, ha invitato la Sinistra repubblicana di Catalogna (Erc) a chiarire se sia una “contraddizione o meno” manifestare contro il vertice ispano-francese che si terra’ domani a Barcellona, ​​mentre allo stesso tempo il presidente della Catalogna, Pere Aragones, ha annunciato che accogliera’ le delegazioni. In un’intervista a “Tve”, Montero ha evidenziato che sarebbe necessario chiedere ad Erc se questo “duplice comportamento” puo’ essere interpretato come una contraddizione. “Vogliamo che questo vertice si svolga normalmente”, ha aggiunto, sottolineando le “magnifiche relazioni bilaterali” che la Spagna ha con la Francia e le infrastrutture che verranno realizzate, in particolare l’interconnettore di idrogeno H2Med. Il presidente della Generalitat, Pere Aragones, non partecipera’ agli incontri che si terranno nell’ambito del vertice ispano-francese, ma accogliera’ il presidente del governo, Pedro Sanchez, ed il presidente delle Repubblica francese, Emmanuel Macron. Per quanto riguarda la mobilitazione contro il vertice, a cui hanno aderito piu’ di 30 organizzazioni pro-indipendenza, tra cui Erc, Montero ha detto che “fortunatamente”, nello stato di diritto “le persone possono esprimersi liberamente con tutti i permessi appropriati che consentire di mantenere l’ordine stabilito”.

Servizio Precedente

Axel Munthe, mostra al museo Mann di Napoli

Prossimo Servizio

Fratelli d’Italia, su autonomia non c’è fretta

Ultime notizie su Cronaca