Caso LFM – Un arrestato ad un altro indagato: fatture per 1 milione su noleggi auto. “Caz… se sono andati in giro. Da dove arrivano soldi?”

13 Settembre 2020
Lettura 1 min

Escono a ondate le indiscrezioni sulle indagini sull’attività degli arrestati vicini alla Lega. Ecco l’ultimo tassello. “Come mai la societa’ di noleggio auto ha fatturato quasi un milione di euro alla Lega in un anno? Caz.. se sono andati in giro ah ah ah”. Cosi’ intercettato mentre parla con un altro indagato il commercialista Michele Scillieri, arrestato giovedi’ scorso assieme ai due contabili del Carroccio Di Rubba e Manzoni, sembra, come scrivono i pm di Milano, “conservare nei suoi ‘cassetti mentali’ piu’ di un ricordo di significative ruberie”. Nella conversazione del 14 maggio, letta dall’ANSA in un’informativa della Gdf depositata, Scillieri dice ancora: “Com’e’ che Di Rubba ha messo su un autosalone di macchine di lusso poco li’ accanto a Barachetti (Francesco, imprenditore indagato e vicino alla Lega, secondo i pm, ndr) che ha comprato un edificio dove c’ha fatto la sede grandiosa della sua societa’? Ma da dove arrivano i soldi?”.

(red)

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Grillo: Presto potere al popolo e via dinosauri

Prossimo Servizio

Caso LFM, per pm i contabili infiltrati ai piani alti della politica e messi nel sottobosco da partito “per drenare soldi pubblici”

Ultime notizie su Cronaca

Caso Vannacci, la Lega: Giustizia a orologeria

“E’ motivo di orgoglio che un coraggioso servitore della Patria come Roberto Vannacci venga accostato alla Lega”, si legge in una nota del partito. “L’indagine a suo carico conferma il nervosismo di chi teme il
TornaSu

Don't Miss