UE. Silvia Romano sarà la “testimonial” per l’Islam

Lettura 1 min

di Davide Parente – E’ tornata a far parlare di sè Silvia Romano. La 24enne milanese è pronta a impegnarsi per il sociale sposando la causa di un progetto co-finanziato dalla Commissione europea. dal nome YES (Youth Empowerment Support for Muslim communities), realizzato dalle associazioni Fondazione L’Albero della Vita, Le réseau e Progetto Aisha.

Da quanto riporta La Repubblica l’iniziativa è finalizzata a contrastare l’odio religioso e in quelle delle associazioni giovanili musulmane. “Credo che il mio nome possa arrecare più danni che benefici al progetto, alla comunità e alla mia famiglia”.

Silvia è stata inserita in squadra come “master equity defender”. Con lei altri sette giovani lombardi, quasi tutti immigrati di seconda generazione e un project manager, Domenico Altomonte, 38 anni, esperienze passate con Fondazione Progetto Arca e Albero della vita, associazione di riferimento anche per la campagna “Yes”.

I principali obiettivi previsti sono la sensibilizzazione e il coinvolgimento dei giovani nella lotta contro l’islamofobia, l’acquisizione di competenze e strumenti efficaci in Italia e in Europa, lo scambio di esperienze e buone pratiche tra i giovani a livello europeo.

Servizio Precedente

Referendum, Castelli (Lega): voto no tutta la vita

Prossimo Servizio

Da ex assessore Cappellini ("Di Rubba uomo fiducia di Salvini per sistemare conti") al tentativo di vendere via Bellerio