Trump grazia Steve Bannon

Lettura 1 min

Il presidente Donald Trump ha concesso la grazia al suo ex capo stratega Steve Bannon, in una decisione dell’ultimo minuto presa appena poche ore prima di lasciare per l’ultima volta la Casa Bianca. Bannon è accusato di aver ingannato migliaia di investitori che credevano che i loro soldi sarebbero stati usati per mantenere la promessa elettorale di Trump di costruire un muro lungo il confine con il Messico.

Tuttavia, avrebbe deviato più di un milione di dollari, pagando lo stipendio di un funzionario elettorale e le proprie spese personali. Dell'”ondata di clemenza” del Tycoon hanno beneficiato quasi 150 persone, comprese star del rap e ex membri del Congresso. Le grazie e le commutazioni di pena per 143 persone, compreso Bannon, sono state annunciate dopo la mezzanotte di ieri, nelle ultime ore del mandato di Trump alla presidenza. In tutto, Trump ha concesso la grazia a 73 persone e ha commutato le condanne penali di altre 70, in quelli che probabilmente saranno i suoi ultimi atti esecutivi.

Oltre a Bannon, tra gli “unti da Trump” figura anche il principale collettore di fondi repubblicano Eliott Broidy, che si è dichiarato colpevole lo scorso autunno di agire come agente straniero non registrato, e l’ex sindaco di Detroit Kwame Kilpatrick, che avrebbe dovuto scontare una pena detentiva di 28 anni per frode. Anche il rapper e produttore musicale Lil Wayne e il rapper Kodak Black sono stati graziati. 

Servizio Precedente

Condizioni per togliere dazi Trump su Made in Italy. Via 25% in più su agroalimentare

Prossimo Servizio

Anche il ricco land Nordreno Westfalia interrompe vaccinazioni Pfizer

Ultime notizie su Cronaca