TEST ANTI-COVID ABUSIVI, VIOLAZIONI IN 67 LABORATORI DI ANALISI

Lettura 9 min

Nell’ambito delle attivita’ di controllo svolte nel periodo di emergenza sanitaria, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, d’intesa con il Ministro della Salute, ha svolto specifiche verifiche sulla regolarita’ delle attivita’ imprenditoriali di prelievo ed analisi diagnostica per la ricerca del virus Sars-CoV-2. Nel corso dell’ultima settimana sono stati ispezionati 285 aziende e laboratori di analisi, privati e convenzionati, ed altre strutture similari operanti nel commercio e nell’erogazione di test di analisi molecolari, antigeniche e sierologiche finalizzati all’accertamento della eventuale positivita’ al Covid-19. 

Le ispezioni, condotte su scala nazionale, hanno rilevato irregolarita’ presso 67 centri oggetto di controllo, contestando 94 violazioni penali ed amministrative, per un ammontare di 145 mila euro di sanzioni pecuniarie. Di queste il 60% delle violazioni rilevate dai Nas e’ attribuibile all’inosservanza di norme e comportamenti connessi con l’applicazione delle misure di contenimento epidemico. Nel dettaglio, tra le irregolarita’ piu’ frequenti, e’ stato rilevato il mancato possesso autorizzativo circa lo svolgimento di attivita’ di prelievi ematici e biologici (tamponi), svolti abusivamente e in ambienti non idonei (15% delle violazioni contestate).

Per quanto riguarda l’omessa – ritardata comunicazione dei casi di positivita’ emersi a seguito delle analisi cliniche sugli utenti, il dato e’ risultato pari al 14% rispetto alle sanzioni rilevate. Tali inosservanze sono ritenute di particolare gravita’ per la perdita di informazioni utili alla corretta e tempestiva tracciatura di casi e conseguente diffusione incontrollata di situazioni di contagio.

Sono state inoltre accertate la mancata predisposizione ed attuazione di piani e protocolli preventivi all’interno delle cliniche, come la carenza di procedure gestionali, di prodotti igienizzanti e di sanificazione dei locali (11%), e di requisiti tecnici e professionali nell’esecuzione degli accertamenti diagnostici, riscontrando in 6 episodi, a vario titolo, l’assenza di tecnici di laboratorio abilitati e l’uso di reagenti e diagnostici scaduti, comunque impiegati nell’effettuazione delle analisi. Nel corso delle verifiche, i Carabinieri dei Nas hanno individuato l’attivazione abusiva di punti prelievo, ematici e biologici, in aree improvvisate, in assenza di adeguate condizioni igienico-sanitarie. In un caso, e’ stata avviata una campagna di screening della popolazione, affidata da alcuni Comuni ad un laboratorio, senza alcuna comunicazione preventiva all’Autorita’ sanitaria.

Un ulteriore fenomeno rilevato e’ la vendita al dettaglio ai clienti, presso farmacie o addirittura in erboristeria e profumeria, di kit di analisi sierologiche anticorpali destinati al solo uso professionale sanitario e non adatti all’autodiagnosi. Proprio in tale contesto sono stati sequestrati 153 tra kit di diagnosi e dispositivi medici irregolarmente detenuti per la vendita al dettaglio o per l’effettuazione di analisi. Tra le situazioni piu’ significative accertate dai Nas, a Catania, nel corso di un’ispezione presso una profumeria sono stati scoperti e sequestrati 16 kit diagnostici per ricerca anticorpi Sars-CoV-2, di verosimile provenienza estera, destinati all’uso esclusivo di professionisti sanitari. E’ stato accertato che i test rapidi, occultati all’interno di contenitori anonimi in prossimita’ della cassa, erano detenuti a temperatura ambiente, anziche’ a quella raccomandata di tra 2 e 8 °C, con grave pregiudizio sull’efficacia diagnostica e conseguente inattendibilita’ dell’esito analitico. 

A Pescara i Nas hanno segnalato all’Autorita’ Sanitaria la legale responsabile di un laboratorio di analisi per aver abusivamente attivato un punto prelievi per tamponi molecolari e rapidi in una tensostruttura allestita in area esterna, non prevista nella planimetria autorizzata. E’ stata appurata inoltre l’inosservanza ai protocolli “anti-covid” circa la comunicazione giornaliera alla Asl del numero dei tamponi eseguiti e di quelli risultati positivi, nonche’ l’adozione delle previste procedure di smaltimento dei tamponi. A Latina il legale responsabile ed il direttore tecnico di un laboratorio di analisi sono stati denunciati dai Nas poiche’ ritenuti responsabili di aver falsamente attestato alla Regione Lazio l’esecuzione di test per la ricerca del Covid-19 al prezzo convenzionato, richiedendo invece agli utenti una somma superiore. 

A Catanzaro i Nas hanno denunciato il legale responsabile di un laboratorio di analisi accreditato poiche’ ritenuto responsabile di aver utilizzato, nelle attivita’ diagnostiche, reagenti chimici scaduti di validita’. Nel corso del controllo sono state, inoltre accertate carenze igienico sanitarie e strutturali e la mancata adozione delle misure protettive e preventive nei luoghi di lavoro in materia di contenimento. Sequestrate 877 fiale di reagenti e diagnostici in vitro scaduti di validita’ il cui valore ammonta a 4.500 euro. Sempre, a Catania, i Nas hanno denunciato il legale responsabile e il direttore tecnico di un centro privato accreditato di analisi cliniche, poiche’ ritenuti responsabili di aver utilizzato, per gli esami di laboratorio a carico del Servizio sanitario regionale, reagenti scaduti di validita’, peraltro custoditi in celle frigorifere prive del dispositivo di controllo della temperatura. Sequestrati 12 contenitori di reagenti e diagnostici in vitro il cui valore complessivo ammonta a 1.000 euro. 

A Lecce, invece, i Nas hanno individuato un laboratorio di analisi che erogava test molecolari per la diagnosi del covid-19 sebbene non autorizzato. Il valore commerciale del laboratorio, per cui e’ stata disposta la chiusura ammonta a 800 mila euro. A Reggio Calabria i Nas hanno individuato un centro di analisi cliniche accreditato per aver eseguito testi rapidi per l’accertamento della positivita’ al covid-19 in assenza di autorizzazione e dei relativi requisiti funzionali nonche’ utilizzato reagenti chimici scaduti di validita’. Sequestrati 17 reagenti irregolari il cui valore complessivo ammonta a 1.000 euro. Il legale responsabile e un tecnico di laboratorio, peraltro non iscritto al relativo albo, sono stati denunciati. 

In provincia di Latina, invece, i Nas hanno denunciato il legale responsabile ed il direttore sanitario di un laboratorio di analisi ubicato ad Aprilia poiche’ ritenuti responsabili di avere attestato falsamente all’Autorita’ Sanitaria il possesso di requisiti strutturali ed organizzativi per l’effettuazione dei test antigeni sebbene non posseduti. I Nas di Campobasso hanno individuato, in provincia di Isernia, un centro diagnostico in cui si effettuavano prelievi e test rapidi per il rilevamento della positivita’ al “Covid-19” all’interno di locali privi di autorizzazione e dei minimi requisiti strutturali ed organizzativi.

Ed i Nas di Bologna hanno sottoposto a sequestro amministrativo 123 kit test antigenici rapidi (ricerca IGG-IGM), prodotti in Cina, indebitamente posti in vendita presso un’erboristeria della provincia bolognese. Contestata inoltre al titolare la violazione amministrativa per l’importo complessivo di 10.000 euro, per aver pubblicizzato on-line un dispositivo medico diagnostico in vitro in assenza di autorizzazione ministeriale. I Nas di Cremona hanno segnalato all’Autorita’ Sanitaria il gestore di un ambulatorio medico per aver eseguito tamponi rapidi antigenici per ricerca Covid-19 sulla cittadinanza in esecuzione ad un piano di screening collettivo concordato con alcune amministrazioni comunali del Basso Pavese, senza aver dato preventiva comunicazione all’Autorita’ Sanitaria. 

 I Nas di Pescara, a seguito di riscontri svolti in collaborazione con l’Asl nell’area marsicana, hanno denunciato un medico chirurgo, direttore sanitario di un poliambulatorio della provincia de L’Aquila, per aver omesso di comunicare alla stessa ASL i casi di positivita’ al Covid-19 rilevati nel corso dei test sierologici e antigenici rapidi effettuati sui clienti del laboratorio, impedendo l’attivazione delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia. E sempre di Nas di Catania, nel corso di controlli sul territorio, hanno individuato 5 laboratori di analisi convenzionati che non ottemperavano alle procedure obbligatorie di inserimento degli esiti analitici ai test covid-19 nella piattaforma regionale. 

Servizio Precedente

Arriva Smask, la piattaforma per smontare la propaganda della Bestia di Salvini

Prossimo Servizio

Cottarelli: Non fate la Patrimoniale, non servono nuove tasse per la Patria

Ultime notizie su Cronaca