Terra Insubre, numero speciale omaggio all’Orobia

Lettura 6 min

È in distribuzione agli iscritti il nuovo numero speciale della rivista “Terra Insubre” #95-96, la pubblicazione è acquistabile anche singolarmente contattando la Segreteria o tramite il ns. sito web.

Care lettrici, cari lettori,
il 2020 è stato un anno molto complicato a causa della pandemia; anche l’Associazione ne ha sofferto e molte delle iniziative programmate sono state sospese o rinviate. Non per questo è venuto meno il nostro impegno!
Il risultato dei nostri sforzi è questo speciale e inusuale numero doppio della rivista Terra Insubre che racchiude i fascicoli 95 e 96 in un unico volume. Una preziosa pubblicazione di 160 pagine che con i suoi numerosi contributi vuole rendere omaggio a un territorio a noi vicino, geograficamente ma soprattutto spiritualmente: quell’Orobia che nei mesi passati ha conosciuto tante, troppe sofferenze arrecate dal virus arrivato dal lontano oriente.


Questo numero presenta anche un interessante Focus, rinnovato nella grafica e dedicato all’architettura del paesaggio e al tema ambientale. La sua preparazione ha richiesto impegno e programmazione. Siamo convinti che apprezzerete il risultato.
Grazie per il vostro supporto.

La Redazione di Terra Insubre

SOMMARIO:

SPECIALE: OMAGGIO ALL’OROBIA – PARTE PRIMA

IL CULTO DEI MORTI IN TERRA OROBICA
di Mirko Trabucchi
Tanti sono i riti e le credenze, le tradizioni e i racconti che scandiscono il periodo dei Mòrcc nell’area bergamasca e affondano la propria origine nell’arcaica cultura pre-cristiana dei Celti.

GLI STRAORDINARI PAESAGGI DELLE TERRE ALTE DELLE OROBIE
di Maria Vittoria Sala
Una interessante mostra delle fotografie di Marco Mazzoleni a Bergamo ha esaltato la bellezza “costruita” delle valli orobiche e le attività tradizionali che ancora resistono tra alpeggi e pascoli.

I TETTI IN PIETRA DELLE ALPI OROBICHE, UN PATRIMONIO A RISCHIO
di Sara Invernizzi e Marco Macconi
Edifici rurali e rustici tradizionali fanno ampio uso di piöde di materiali e colori differenti di valle in valle, contribuendo alla creazione di paesaggi veramente unici, da preservare.

Testo alternativo
ACQUISTA
LA CAPRA OROBICA: UN EMBLEMA IDENTITARIO
di Michele Corti
Dopo un declino iniziato a fine Ottocento, nel 1993 quest’importante razza autoctona ha ottenuto un proprio Libro Genealogico e conosce ora un crescendo d’interesse anche da parte dei giovani.

SQUÀSC, IL SIGNORE DEGLI INCUBI
di Mirko Trabucchi

Con le sue improvvise apparizioni notturne, gravando sul petto dei dormienti, questo tipo di folletto infastidisce il sonno di chi vive soprattutto nei paesi della Val Seriana e Val Cavallina.

ICONOGRAFIE DEI SS. COSMA, DAMIANO E PANTALEO SULLA RIVA BERGAMASCA DELL’ISEO
di Cleonice Bonalberti, Adalberto Peroni, Gabriele Peroni
A Sarnico e a Vigolo si concentrano le uniche attestazioni a noi note in territorio orobico deisanti demiurghi, dipinte in edifici sacri rispettivamente risalenti al Quattrocento e al Seicento.


FOCUS : ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO

PERCHÉ TORNARE A PARLARE DI ARCHITETTURA DEL PAESAGGIO?
di Giuseppe Reguzzoni

UN PAESAGGIO DI FONDAZIONE ALPINO, IL VILLAGGIO SANATORIALE DI SONDALO
di Luisa Bonesio

SULL’UNITÀ DI PAESAGGIO E TRADIZIONE
di Rolf Kosiek

GILBERTO ONETO, IL PAESAGGISTA AL VOLANTE: PAESAGGIO, TERRITORIO E INFRASTRUTTURE VIARIE
di Valerio Cozzi

RICOSTRUZIONE DEL PAESAGGIO E AREE OMOGENEE: ATTUALITÀ DI GILBERTO ONETO
di Matteo Colaone


SPECIALE: OMAGGIO ALL’OROBIA – PARTE SECONDA

L’ENIGMA DELLE STRUTTURE MEGALITICHE DI “PORTA DELLE CORNACCHIE” A RONCOBELLO
di Adriano Gaspani, Anna Gastaldelli, Massimo Villa, Maurizio Di Iulio, Ivan Salvoldi
I recenti rilievi e il conseguente studio archeoastronomico di questo singolare sito confermano l’ipotesi che lo vede come antico luogo di culto e osservazione astrale, attivo nell’età del Ferro.

VAL MORA, INCISIONI RUPESTRI A CAPRILE INFERIORE, SULL’ANTICA VIA MERCATORUM
di Nevio Basezzi
Le incisioni presenti sopra tre massi affioranti dalle acque del torrente Mora, tra le quali sembra di poter leggere una sequenza alfabetica, meriterebbero ulteriori approfondimenti.

L’EPIGRAFIA DI AREA OROBICA TRA CELTICITÀ E ROMANITÀ
di Stefano Spagocci
Secoli dopo la conquista romana, l’analisi delle epigrafi pubblicate mostra ancora un’importante incidenza di onomastica e di culti indigeni, secondo una tendenza comune ad altre aree cisalpine.

FARA OLIVANA E CARAVAGGIO: ARIMANNIE LONGOBARDE NELLA BERGAMASCA
di Cristiano Brandolini
I lavori per la realizzazione dell’autostrada BreBeMi e per la linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Venezia hanno portano in luce due grandi necropoli longobarde con ricchi corredi.

LA BATTAGLIA DI MACLODIO, LA FINE DELL’EGEMONIA MILANESE SULLA PADANIA
di Lucio Brignoli
Nell’autunno del 1427 in questa località bresciana si scontrarono gli eserciti di Milano e di Venezia, determinando le sorti dei territori della Lombardia orientale nei secoli a venire.

L’ARALD DEL BISSON BLOEU – ICONOGRAFIA DEL BISCIONE VISCONTEO NEL TERRITORIO BERGAMASCO
di Roberto Stefanazzi Bossi

LIBRARIA – IL BAREC DEI PIANI DEL MONTE AVARO
di Giancarlo Minella

UR DISNAA DA CÀ NOSCTA
Fàe di Mórcc – Fave dei Morti
di Vanessa Prat

Per info e ordini: segreteria@terrainsubre.org

ISCRIVITI A TERRA INSUBRE PER IL 2021

L’iscrizione a Terra Insubre ha validità annuale e dà diritto a ricevere i 4 numeri della nostra rivista trimestrale Terra Insubre – cultura del territorio e identità (inclusi gli eventuali arretrati già pubblicati nell’anno – le uscite del periodico sono calendarizzate per: marzo, giugno, ottobre e dicembre 2021.

Servizio Precedente

Ancora polemiche sui social - Salvini in abiti da City Angels, la foto tra amici con Furlan

Prossimo Servizio

Da sinistra il peggior capitalismo ma la destra, Lega compresa, non scherzano

Ultime notizie su Cronaca