Superlega: i calciatori dicono anche no

Lettura 4 min

“I sogni non si comprano”. In attesa dei pareri di fuoriclasse del calibro di Messi, Cristiano Ronaldo e Mbappe’, e’ un no unanime alla Superlega quello che si leva dai protagonisti principali, i calciatori. Anche da alcuni di quelli che teoricamente dovrebbero essere beneficiati, come Bruno Fernades, del Manchester United, e Cancelo, del City, due dei club fondatori del nuovo supercampionato di elite. Mentre il sindacato mondiale dei calciatori annuncia che si opporra’ alle “esclusioni dalla nazionali” paventate da Uefa e Fifa, e quello italiano invoca “un accordo”, la sorpresa dei giocatori e’ testimoniata proprio dai tweet dei due campioni portoghesi di Manchester.”I sogni non possono essere comprati”, ha scritto Fernandes, ripostando il messaggio del suo collega del Wolverhampton Daniel Podence in cui viene elogiata la Champions League. “Il calcio. Il pallone. Il sogno”.

Nella foto Podence indossa la maglia dell’Olympiakos Pireo, come a voler dire che anche un club come quello pluricampione della Grecia ha il diritto di poter competere con le grandi d’Europa. Al gruppo di coloro che si oppongono alla Superlega appartiene anche Mesut Ozil, campione del mondo 2014 attualmente in forza alla sua squadra del cuore, il Fenerbahce, dopo un passato glorioso al Real e all’Arsenal. “I bambini crescono sognando di vincere la Coppa del Mondo e la Champions League – ha scritto il turco di Germania su Twitter – , non una Super League. Il divertimento del big match e’ che avvenga solo una o due volte all’anno, non ogni settimana. Davvero difficile da capire per tutti gli appassionati di calcio la’ fuori …”. Un no netto viene anche da Formello, casa Lazio, e precisamente dai due spagnoli Pepe Reina e Luis Alberto, che hanno fatto loro le parole di un altro contrario, il loro connazionale Ander Herrera del Psg. “Mi sono innamorato di un calcio popolare, del calcio dei tifosi, del sogno di poter vedere il club del mio cuore competere con i piu’ grandi – il pensiero di Herrera. Con questa Superlega europea uccidiamo i tifosi, la loro illusione e quella dei club meno grandi di poter competere nelle maggiori competizioni . Amo il calcio, e non posso rimanere zitto di fronte a questo, credo in una Champions League migliorata, pero’ no al fatto che i ricchi rubino cio’ che il popolo ha creato, che non e’ altro che lo sport piu’ bello del nostro pianeta. No alla Superlega europea”. Reina ha aggiunto un commento: “Bravo amigo”, con accanto l’emoticon di un cuoricino. Che i calciatori in generale siano contrari all’idea della Superlega lo si evince anche da un lungo comunicato del loro sindacato internazionale, il FifPro, in cui si accenna a un “caos che danneggia tutti”. Pero’, forse perche’ preoccupato che il progetto vada in porto provocando la reazione di Uefa e Fifa, lo stesso FifPro precisa che si opporra’ “con forza alle misure di entrambe le parti che violeranno i diritti dei calciatori, come l’esclusione dalle rappresentative nazionali”. (ANSA). CLN 19-APR-21 18:28 NNN

Servizio Precedente

Meloni: scostamenti di bilancio con lotteria degli scontrini non ne voto

Prossimo Servizio

Salvini dà fiducia a Speranza. No a mozione contro. Tutto in cavalleria con una commissione

Ultime notizie su Cronaca