Stretta in Germania, è la regola 2G: accesso in ristoranti e alberghi solo per vaccinati e guariti

Lettura 1 min

Nuove restrizioni anti covid in Baviera, dove in cinque distretti si registra un’incidenza di oltre mille casi su 100mila abitanti. Le autorità del popoloso land meridionale tedesco hanno deciso di permettere l’accesso a ristoranti e alberghi solo a persone pienamente vaccinate o guarite, escludendo la possibilità di esibire un test negativo. E’ la regola del 2G – vaccinati (geimpft) o guariti (genesen)- che il premier bavarese, Mark Soeder, ha chiesto oggi di applicare in tutta la Germania. “E’ sbagliato ricorrere ad un patchwork di misure. Serve una regola generale del 2G in Germania“, ha affermato. La Baviera è una delle regioni tedesche dove corre più forte il contagio. In cinque distretti l’incidenza supera i mille casi su 100mila abitanti in sette giorni e in Franconia arriva a 1.362,4. 

Un passo analogo e’ stato deciso dal Senato di Berlino, come annunciato dal sindaco della capitale, Michael Mueller: “La quarta ondata ci ha colpito in pieno”, ha detto il borgomastro socialdemocratico, secondo il quale alla regola del ‘2G’ potrebbe aggiungersi l’obbligo di mascherina. Non sono escluse anche ulteriori limitazioni nei contatti sociali.

Da sabato prossimo ristoranti, bar, discoteche, club, strutture sportive in interni saranno tabu’ ai non vaccinati anche ad Amburgo, la cui coalizione composta da Spd e Verdi impone in molti ambito la regola del ‘2G’, con la sola esclusione dei minori di 18 anni. Regole analoghe sono state annunciate oggi dal governatore del Nord-Reno Vestfalia, Hendrik Wuest. Ma non finisce qui. A livello nazionale e’ in vista una stretta anche per quel che riguarda i voli interni: a quanto affermano i media del Gruppo Funke, i partiti alle prese con la formazione del nuovo governo (Spd, Verdi e liberali) sono intenzionati ad estendere la regola del ‘3G’ – ossia accesso a non vaccinati, guariti e anche a chi presenta tampone negativo – al traffico aereo oltreche’ alla ferrovia e al trasporto locale.

Il dibattito sull’estensione del ‘2G’ (che nella sostanza appare essere una forma anche piu’ severa del nostro green pass) ormai ha una valenza nazionale: oggi e’ stato il governatore bavarese Markus Soeder ad esprimersi a favore il divieto d’accesso ai non vaccinati in tutta la Germania nonche’ l’introduzione dell’obbligo vaccinale per certe categorie di lavoratori, per esempio il personale sanitario e quello scolastico. “Ritengo sbagliato che si proceda solo con una specie di patchwork di misure”, ha detto all’emittente pubblica Zdf. Per questo giovedi’ e’ fissato il vertice tra la cancelliera uscente Angela Merkel ed i governatori dei Laender per decidere la strategia del Paese a fronte della nuova ondata di contagi.

Servizio Precedente

Cancellato il mercatino di Monaco di Baviera

Prossimo Servizio

Fedriga: Se si passa di zona meno restrizioni per i vaccinati

Ultime notizie su Cronaca