Sindrome di Kawasaki nei bambini a Bergamo. Dai vaccini al Covid, le domande sul tappeto

Lettura 3 min

di Marco Costantini – “Non si sa se sia cronaca di una profezia o presagio”. Così “La Nuova Padania” aveva commentato qualche giorno fa ciò che in provincia di Bergamo e Brescia era accaduto fra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 e l’esplosione successiva della Covid 19: 4 casi di meningite, una vaccinazione di massa, le parole di Burioni e…la pandemia da Sars Cov 2. Ora questo dubbio si arricchisce di un altro elemento e diventa sempre più profondo.

Da qualche giorno vengono segnalati alcuni casi di Malattia di Kawasaki nei bambini, soprattutto a Bergamo e provincia, ancora difficilmente inquadrabili rispetto alla Covid 19.

La Società Italiana di Pediatria (https://www.sip.it/wp-content/uploads/2017/11/10-SIP-Kawasaki-266-2831.pdf) la descrive come una patologia rara segnalata per la prima volta in Giappone nel 1967 da Tomisaku Kawasaki e caratterizzata da una vasculite, un’infiammazione dei vasi sanguigni che colpisce, in questo caso, soprattutto quelli di medio calibro di tutti i distretti dell’organismo. I giovani pazienti presentano sintomi caratterizzati da febbre per più di 5 giorni, congiuntivite, alterazioni delle labbra e della cavità orale, eruzioni cutanee, linfonodi del collo dolenti. “La complicanza più temibile è rappresentata dagli aneurismi coronarici, la cui incidenza viene significativamente ridotta quando i pazienti sono trattati con immunoglobuline entro il decimo giorno dall’esordio della febbre”.

Non vi sono cause certe, ma si suppongono meccanismi legati ad infezioni o alla reazione immunitaria a vaccinazioni.

Ebbene, leggendo i foglietti illustrativi dei vaccini anti meningococco, e fra essi quelli utilizzati durante la vasta campagna vaccinale a Bergamo e provincia, risultano interessanti le reazioni avverse che, anche se rare, vengono segnalate. Fra di esse c’è proprio la Malattia di Kawasaki o una serie di elementi sintomatologici che la richiamano.

Il Sars Cov 2 potrebbe essere la causa scatenante di questa sindrome. Può esserci però anche una correlazione con le vaccinazioni effettuate nei mesi scorsi?

Le coincidenze aumentano. I dubbi pure. Al momento, fermiamoci alle evidenze prognostiche: i bambini fino ad ora hanno sempre risolto il loro quadro sintomatologico e clinico.

In attesa che qualcuno sia in grado di dare le giuste risposte. 

https://www.sip.it/wp-content/uploads/2017/11/10-SIP-Kawasaki-266-2831.pdf

Ecco anche la posizione del prof. Broccolo andata in onda su La7.

https://www.la7.it/tagada/video/covid-e-malattia-di-kawasaki-il-chiarimento-del-prof-broccolo-29-04-2020-322183

Abbiamo sbianchettato i nomi dei farmaci per non voler far apparire questo servizio un attacco diretto ad alcun prodotto farmaceutico. La ricerca della chiarezza e non accuse pretestuose sono alla base della nostra inchiesta.

Servizio Precedente

NIENTE LAGO PER I MILANESI: IL MEDICO SINDACO BLINDA ANGERA

Prossimo Servizio

Chi sgoverna non è del mio Paese. Il mio Paese cristona in coda a Cormano

Ultime notizie su Cronaca