Sindacato Confael: No a sospensione medici che rifiutano vaccino

Lettura 1 min

”Siamo critici in ordine alle previste sospensioni dei medici e degli operatori sanitari che non intendono sottoporsi alle vaccinazioni in quanto non compatibili con la terapia vaccinale; la misura disciplinare, che non ha carattere afflittivo, rappresenta una indicazione volta a possibili coercizioni della volontà del sanitario”. Con una nota la Confael Area Medici e Comparto Sanità, prende posizione sul decreto legge 44/2021 e auspica un ”momento di confronto importante sulle strategie con le quali affrontare l’attuale emergenza pandemica”. ”Il nostro sindacato – si legge nella nota – pur ribadendo l’assoluta importanza della vaccinazione quale strumento per la profilassi, in linea con il dettato della sentenza 258/1994 della Corte Costituzionale, auspica l’assunzione di opportune misure diagnostiche volte ad individuare eventuali incompatibilità tra le terapie preventive anti-Covid 19 attualmente a disposizione della comunità scientifica e le condizioni di salute di coloro che alle suddette terapie devono essere sottoposti”.

Servizio Precedente

"Inspiegabile la chiusura dei centri commerciali nel week end dal 15 maggio"

Prossimo Servizio

Conti non pagati, si dimette il giudice Gamacchio a Milano

Ultime notizie su Cronaca