Sileri: Stop a divieti per chi completa ciclo vaccini

7 Giugno 2021
Lettura 1 min

“O crediamo nel vaccino oppure no: per gli immunizzati le regole dovranno cambiare, certe limitazioni non saranno più necessarie”. Così in un’intervista a La Stampa il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. “In presenza del Green pass – spiega – si possono superare questioni come le dimensioni del locale o il ricambio dell’aria. In prospettiva, con l’aumento delle vaccinazioni, questo discorso può valere anche per la zona gialla”, come anche per le abitazioni private, nelle quali “se pure sono 8 o 10” i presenti, “ma tutti vaccinati, non c’è problema. Stesso discorso per le presenze all’interno degli uffici, dove tra colleghi si può anche decidere di stare senza mascherina, se nella stanza sono tutti vaccinati”. Per Sileri “all’aperto dovremmo riuscire a eliminare l’obbligo” della mascherina “per metà luglio, perché avremo raggiunto oltre la metà dei vaccinati con ciclo pieno e le probabilità d’incontrare soggetti non immunizzati saranno sempre più ridotte. A luglio ci sarà la vera svolta di questa pandemia”. Sul Green pass, per chi vorrà viaggiare all’estero “non ha proprio senso chiedere il tampone a chi ha completato la vaccinazione, spero che questo vincolo sui viaggi possa cadere quanto prima”. E anche per le discoteche, prosegue, “se abbiamo il Green pass usiamolo anche lì, non vedo quanto rischio ci sia se si balla con tutte persone vaccinate, guarite o tamponate”. Infine, sugli operatori sanitari che ancora non vogliono vaccinarsi, per Sileri “se gli inviti a vaccinarsi non sortiscono effetti, bisogna avviare l’iter per il trasferimento ad altra mansione o per la sospensione dal servizio”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Meloni, Federazione? Non mi è chiaro il progetto

Prossimo Servizio

Germania, Cdu vince e resiste nel voto in Sassonia. Seconda Afd

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu

Don't Miss