Sicuri non esista più il delitto d’onore? La violenta, sconto di pena perché lei lo tradiva. Insomma, se l’è andata a cercare?

Lettura 2 min

di Stefania Piazzo – Tra i titoli che più mi hanno colpita oggi sui giornali ce n’è uno che spicca tra tutti.

Ridotta la pena allo stupratore
I giudici: «Vittima troppo disinvolta»
Milano, l’uomo aveva violentato la convivente. Il caso dello sconto in Appello: lei lo tradiva

Una vicenza di povertà morale e materiale, che si consuma in condizioni di particolare deprivazione. Ma a fronte del reato, ci sono delle “attenuanti”. La condotta non irreprensibile della consorte. Ah beh…

Riporta il Corriere: “L’aveva sequestrata per una notte nella loro roulotte,
picchiata e violentata fin quando alle 7 del mattino erano arrivati i carabinieri allertati dalla figlia, e per questireati era stato condannato in Tribunale a Monza in rito abbreviatoa5anni. Che ora a Milano la Corte d’Appello abbassa a 4 anni e 4 mesi con un verdetto nel quale, più della
limatura di pena in sé, risalta la motivazione: e cioè l’idea che, in un «contesto familiare degradato» e «caratterizzato da anomalie quali le relazioni della donna con altri uomini», l’intensità del dolo di quei tre reati sia attenuata dal fatto che l’uomo «mite» fosse stato «esasperato dalla condotta troppo disinvolta della donna», condotta «che aveva passivamente subìto sino a quel momento
».

Sono ignorante, lo confesso, ma cosa cambia dal principio del “delitto d’onore” che giustifica una reazione violenta? O dalla donna che se l’è andata a cercare? Se avesse avuto la minigonna, lo avrebbero assolto in appello?

Il femminicidio è solo stroncare una vita o si declina in piccole dosi velenose subdolo quando la cultura, anche giuridica, trova un alibi al carnefice? Così, per chiedere. E se la donna violentata fosse stata una prostituta, una quindi che sfida la sorte sulla strada e provoca gli uomini che vi transitano, cosa sarebbe cambiato? Provocatrice violentata, l’assalitore era stato istigato a delinquere, sconto di pena? Parliamone. Non c’è forse degrado anche lì? Perché se non sei moralmente fedele e socialmente irreprensibile, allora ti meriti una lezione. Lo ha appena sancito la giurisprudenza.

Photo by Molly Belle

Servizio Precedente

Sanità 4.0: un robot umanoide al reparto pediatria di Taranto

Prossimo Servizio

Il Movimento 3V spiega ai propri sostenitori come votare il 20 e 21 settembre

Ultime notizie su Cronaca