SICCITÀ: 100 MILIONI ALLE CINQUE REGIONI IN CRISI NON SONO NIENTE

6 Maggio 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Le mosse annunciate dal ministro Salvini sulla siccità non sono sfuggite al gruppo regionale lombardo del PD.
“Oggi Salvini si vanta di mettere a disposizione 100 milioni per le cinque regioni che necessitano di interventi urgenti per affrontare la crisi idrica. Stiamo scherzando? Il governo sta prendendo in giro aziende, associazioni e cittadini”. Così il consigliere regionale lombardo del Pd Matteo Piloni interviene rispondendo alle dichiarazioni odierne del ministro Matteo Salvini dopo la cabina di regia di Plazzo Chigi sulla crisi idrica. “In secondo luogo, mi piacerebbe proprio sapere quali sono le opere ‘urgenti’ che riguardano la Lombardia. Dov’è la strategia? Dov’è la programmazione? La verità è che la giunta regionale è in ritardo e il governo non pare avere una idea. Non basta sperare nella pioggia: servono consapevolezza, scelte e risorse. Ma chi governa Paese e Regione, ahinoi, ne è sprovvisto” ha aggiunto.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Serve un vero reddito alimentare

Prossimo Servizio

La Padania c’è ma dentro un vestito stretto. Cgia: Il triangolo Milano-Bologna-Venezia traina il Paese

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu

Don't Miss