Si dimette il commissario europeo al commercio: ha violato le regole Covid

Lettura 1 min

Non stiamo qui a sindacare se le regole siano o meno giuste, blande o eccessive. Sta di fatto che all’estero il senso delle istituzioni non è quello che abbiamo in Italia. L’altro giorno Phil Hogan, ha annunciato le sue dimissioni da commissario Ue al commercio: “Mi rammarico – ha spiegato – che il mio viaggio in Irlanda ha causato tale preoccupazione e nervosismo”. “Ho sempre cercato di rispettare tutte le regole sul covid in Irlanda, ribadisco le mie scuse di cuore al popolo irlandese per tutti gli errori fatti durante la mia visita e comprendo pienamente il senso di rabbia e le ferite di persone e famiglie quando sentono che coloro che hanno un ruolo pubblico, non rispettano le regole”, sottolinea. “Non ho violato alcuna legge” ma “avrei dovuto essere più rigoroso nel rispetto delle regole sul covid”.

Tanto basta per lasciare l’ambita poltrona da commissario europeo.

 Hogan aveva partecipato ad un’affollata cena in un golf club, che già era costata l’incarico al ministro dell’Agricoltura irlandese, Dara Calleary.

Secondo le normative irlandesi sul coronavirus, Hogan avrebbe dovuto essere in quarantena per due settimane dopo il ritorno dal Belgio.

Hogan ha detto di essere risultato negativo al Covid-19 durante una visita in ospedale il 5 agosto e questo significa che “non era soggetto ad alcun successivo obbligo legale di autoisolamento o quarantena”. Ma le dimissioni sono arrivate lo stesso.

(red)

Photo by K. Mitch Hodge 

Servizio Precedente

Fiumicino - Test in aeroporto: "Noi sbarcati dalla Spagna, nessuno ci ha fermati. Ma allora l'emergenza c'è o non c'è?"

Prossimo Servizio

I grandi esperti 4/ Zangrillo: "Il virus clinicamente è inesistente, lo ribadisco e nessuno è riuscito a smentirmi"