Senato chiude per Covid. Positivi due 5Stelle

Lettura 2 min

C’è sempre una prima volta. Ed è arrivata nella stanza dei bottoni. Scatta l’allarme coronavirus a palazzo Madama. La notizia di due senatori del Movimento 5 stelle risultati positivi al Covid-19 fa bloccare in via precauzionale tutti i lavori e il Senato ‘chiude’ i battenti per un giorno, in attesa della sanificazione e di conoscere l’esito dei tamponi a cui si sono sottoposti altri senatori che sono entrati in contatto con i due risultati positivi. Uno dei due senatori positivi al Covid-19 è Francesco Mollame, che su facebook ringrazia “quanti hanno espresso i loro auguri, quando si sta molto male ed isolato anche un semplice saluto da’ forza, non fa sentire soli”. Poi confessa di non essere “mai stato cosi’ male, questo virus e’ proprio una gran brutta bestia. Ma cio’ che non uccide fortifica…”.

Ad annunciare sempre via social di essere risultato positivo è anche l’altro senatore M5s, Marco Croatti: “Il tampone che ho effettuato nella giornata di ieri ha dato esito positivo. Per correttezza informo che giovedì ho preso parte all’assemblea dei senatori del Movimento 5 stelle, munito di mascherina e nel rispetto del distanziamento sociale nei confronti dei presenti. Da lunedì pomeriggio sono in quarantena in casa: invito di nuovo tutti voi che mi seguite ad avere massima cautela e a prendere i vari accorgimenti del caso, perché è solo rispettando tutti insieme le indicazioni che ci vengono date potremo avere la meglio su questo virus”.

Intanto, si rincorrono le indiscrezioni e secondo voci di palazzo ci sarebbero anche tre senatori di altri gruppi contagiati, ma al momento non vi è conferma ufficiale.

Tutte le commissioni previste sono state intanto sconvocate, in via precauzionale, si valuta ora di avviare i lavori a distanza del Parlamento.

Servizio Precedente

VIDEO / Peschereccio tunisino sperona motovedetta italiana, aperto il fuoco

Prossimo Servizio

A Venezia negozi ed hotel in svendita. Gli albanesi stanno acquistando molte proprietà: per conto di chi?