Scuola, Miozzo: regole non gestibili, serve una laurea per capirle

7 Febbraio 2022
Lettura 1 min

“Mi sembra che sia necessaria una laurea in Filosofia della scienza per comprendere e applicare queste disposizioni. Immagino i professori, i dirigenti di istituto e i genitori che si devono orientare in questa complessita’ che e’ assolutamente ingovernabile e non gestibile. Nella gestione del Covid a scuola siamo ancora a ‘carissimo amico’”. E’ la critica dell’ex coordinatore del Cts, Agostino Miozzo, che, intervistato da ‘La Stampa’, dice: “Fanno bene i ragazzi a protestare, se avessi 50 anni di meno scenderei in piazza anch’io”. “Il problema – a suo avviso – va affrontato dando autonomia alle scuole nel governo della salute. Ci vuole un sistema sanitario dedicato, tornando al medico scolastico” o “basterebbero degli infermieri per garantire un adeguato sistema di tracciamento. In tutti gli altri Paesi dell’Ue gli studenti si sottopongono anche a due tamponi a settimana. In Italia invece il tracciamento sembra una sfida insormontabile. Com’e’ possibile delegare alla famiglia l’onere in termini di tempo e denaro dei tamponi e dell’auto-sorveglianza? E’ un incubo”. Inoltre, dice, “la discriminazione in ambito scolastico tra chi e’ vaccinato e chi non lo e’ non mi piace. Bisogna evitarla utilizzando un monitoraggio costante attraverso tamponi a tappeto”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Tremonti: Maastricht? Vi spiego come hanno abbattuto la grande industria

Prossimo Servizio

Rotondi, Berlusconi lo abbiamo lanciato in tre. Gli altri hanno solo preso la rincorsa…

Ultime notizie su Cronaca

Terzo mandato, fratelli coltelli

 Resta alta in maggioranza la tensione sul tema dell’ampliamento dei mandati per i governatori di regione, che la Lega vuole portare a tre, come previsto nei suoi emendamenti al decreto Elezioni, in
TornaSu

Don't Miss