Scuola dal 7 gennaio in forse. Miozzo: dipende da curva contagi

18 Dicembre 2020
Lettura 1 min

 “Le indicazioni sono di preoccupazione per questa disgraziata curva. Oggi siamo vicini ai 20mila contagi e ai 600 morti al giorno, le prossime 3 settimane saranno fondamentali perche’ rischiamo di tornare a 40mila casi al giorno oppure scendere. Se saremo bravi e riusciremo a scendere, l’inizio dell’anno nuovo consentira’ la riapertura delle scuole”. Lo ha detto Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico scientifico, a Radio anch’io su Rai radio 1, a proposito della riapertura della scuola il 7 gennaio.

“E’ stata data indicazione alle prefetture – ha spiegato – di fare dei tavoli di coordinamento e i prefetti stanno lavorando veramente bene e stanno creando i presupposti affinche’ il 75% dei ragazzi delle scuole superiori possa tornare a scuola il 7 gennaio – ha proseguito – ma e’ ovvio che se la curva epidemica schizza verso cifre insostenibili, anche questa data viene messa in discussione. Quindi e’ auspicabile che quella curva continui a scendere” ha concluso Miozzo. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Covid, la denuncia di Unimpresa – Intoppi e trappole da banche su prestiti garantiti

Prossimo Servizio

Covid: Pregliasco, no passarsi cellulari e cucinare con mascherina

Ultime notizie su Cronaca

FUORVIANTE IL RAPPORTO SPESA SANITARIA-PIL

di Gigi Cabrino – Il sindacato dei medici Anaao, per bocca del segretario Pierino Di Silverio, commenta le indicazioni generali sulla spesa sanitaria indicate nel def. “Ci si continua a concentrare sul
TornaSu

Don't Miss