Scarcerato Bannon. Il suo legale: Assalto Capitol una truffa sin dall’inizio

Lettura 1 min

 Steve Bannon non attenderà in carcere il processo che lo vede accusato di oltraggio al Congresso per essersi rifiutato di collaborare con la Commissione che indaga sull’assalto a Capitol Hill dello scorso 6 gennaio. L’ex consigliere e capo stratega di Donald Trump è comparso davanti a un giudice federale, dopo essersi consegnato all’Fbi che lo ha arrestato. Bannon sarà nuovamente in tribunale giovedì. L’accusa non ha chiesto per lui la carcerazione preventiva. In base alle condizioni approvate dal giudice, Bannon ha acconsentito a sottoporsi a controlli settimanali, alla consegna del passaporto e alla notifica di qualsiasi viaggio al di fuori del District of Columbia, così come all’approvazione del giudice per qualsiasi viaggio al di fuori degli Stati Uniti. L’ex consigliere di Trump rischia un massimo di un anno di carcere per ciascuno dei due capi di imputazione e una multa fino a 100mila dollari.

 “Una truffa sin dall’inizio”: cosi’ David Schoen, l’avvocato di Steve Bannon, dopo il rilascio dell’ex stratega della Casa Bianca in liberta’ vigilata. Il legale ha attaccato pesantemente sia la commissione parlamentare che indaga sull’assalto al Capitol sia la decisione di incriminare il suo assistito che, ha detto, ha l’obbligo di onorare il privilegio esecutivo presidenziale. 

Servizio Precedente

Spagna - I partiti indipendentisti chiedono la soppressione del titolo di re e privilegi della corona

Prossimo Servizio

Evasione tasse - Tribunale Riesame conferma sequestro a società del Papeete

Ultime notizie su Cronaca